L’esame della patente cambia, cosa toccherà a chi farà il test

Vengono introdotte delle variazioni all’esame della patente, e la cosa si rende a dir poco fondamentale. Quali sono le nuove introduzioni effettive.

Esame della patente cambia lo scritto
Esame della patente cambia lo scritto Foto dal web

Esame della patente, il cambiamento è servito. La cosa era ormai divenuta evidente a partire dalla primavera del 2020, periodo che tutti noi ricordiamo con tristezza a causa del deflagrare della pandemia in Italia. L’avvento del virus scombussolò la vita di tutti, sconvolgendo anche le più semplici dinamiche individuali e sociali.

Ed anche l’esame della patente ha avuto delle conseguenze. L’esigenza di evitare assembramenti ha fatto si che venissero apportate delle modifiche, con la procedura consueta che è finita con l’essere modificata, allo scopo di impedire che fin troppe persone occupassero lo stesso ambiente.

Prima della pandemia era prevista una serie di quaranta domande alle quali fornire una risposta corretta in mezzora. Ed erano ammessi al massimo quattro errori. Le modifiche all’esame della patente hanno portato a dovere affrontare poi trenta domande in venti minuti, con la possibilità di potere essere promossi fino ad un massimo di tre risposte errate fornite.

Esame della patente, variare era necessario

Foto dal web

Il tutto viene correlato proprio alla necessità di dovere ridurre i tempi di attesa di chi aspira a conseguire il documento di guida. Tra chi sostiene la prova e chi deve aspettare all’esterno della stanza designata dove si svolge il test, viene a crearsi un assembramento di decine e decine di persone. Serviva per forza di cose velocizzare la procedura ed impedire che si venisse a formare una coda troppo lunga.

Potrebbe interessarti anche: PostePay, adesso costa di più: aumenta la tassa per milioni di italiani

Un provvedimento simile ci vorrebbe proprio in certi supermercati, dove tante volte si assiste a delle file alle casse, con alcune di quest’ultime che restano chiuse. E pensate che in alcuni punti vendita anche di soggetti importanti del settore, le casse automatiche sono state del tutto eliminate. Una politica inspiegabile in tempi di circolazione del virus, dove è fondamentale evitare gli assembramenti.

Potrebbe interessarti anche: Aumento delle bollette, sarà un 2022 lacrime e sangue: quanto pagheremo

Potrebbe interessarti anche: Rincari, il pane mai così costoso: e tanti panettieri devono chiudere

Tornando all’esame di guida, dopo la prova scritta c’è da sostenere quella pratica con la guida del veicolo. E dopo la pandemia i tempi di attesa si sono allunganti di molto. In media arrivano fino a quattro o cinque mesi, con tutto questo che ha causato un forte rallentamento in tutta Italia. Sono in molti ad aspettare da mesi il loro momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *