Rimborso INPS, come ottenere 522 euro al mese ed altri aiuti in un caso

In che maniera possiamo fare per ricevere un rimborso INPS importante, in grado di mitigare le difficoltà legate alla presenza di una specifica patologia.

Rimborso INPS come ottenerlo
Rimborso INPS come ottenerlo Foto dal web

Rimborso INPS per chi ha avuto uno specifico problema di salute. La cosa spetta per l’appunto ad una precisa categoria di persone. Ed il riferimento è a chi, nel dettaglio, ha subito un ictus. Ogni anno avvengono migliaia di casi del genere, con l’ictus che è una delle patologie più diffuse assieme a quelle di natura cardiovascolare.

Addirittura parliamo di quella che è la terza causa di morte in Italia, sopravanzata solamente dai tumore e dai già citati problemi cardiaci. Per chi però riesce a sopravvivere ad un colpo apoplettico è previsto un rimborso INPS importante, che fornisce sostegno con cadenza mensile.

Le conseguenze di questo problema di salute lascia spesse volte delle conseguenze permanenti, di entità diversa. Si va da effetti meno gravi ma comunque visibili ad altri decisamente più importanti, e che richiedono la presenza fissa di qualcuno in grado di assistere con costanza il malato.

Rimborso INPS, tutte le forme di aiuto previste

Foto dal web

Il rimborso INPS in questione si aggiunge alle altre forme di sussidio che hanno lo scopo di facilitare in qualche modo le cose al malato ed a chi gli fornisce assistenza. Questa importante problematica di salute può portare alla paralisi parziale o permanente di alcune parti del corpo e generare anche immobilità totali.

Altre conseguenze sono difficoltà od impossibilità nel parlare, nel deglutire, nel deambulare in maniera indipendente, e non solo. Dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale arriva una forma di aiuto importante, ma occorre comunque rispondere a dei precisi requisiti.

Infatti c’è bisogno che il soggetto interessato abbia versato un minimo di contributi pari a cinque anni, dei quali tre nell’ultimo quinquennio. Poi c’è bisogno di ulteriori cinque anni di anzianità assicurativa.

Come avere l’assegno mensile di accompagnamento

Se viene a mancare uno di questi aspetti è comunque richiedere l’ottenimento della pensione di invalidità civile, qualora il proprio reddito certificato da apposita attestazione Isee non vada oltre i 16.982,49 all’anno.

Potrebbe interessarti anche: Contributi INPS, le donne possono avere 2 anni in più: come fare

È previsto poi un assegno di importo variabile a seconda del grado di invalidità riconosciuto. Si parte da una percentuale del 67% e bisogna avere versato i contributi minimi, altrimenti si parte dal 74% di invalidità senza contributi.

Potrebbe interessarti anche: Accertamento INPS per malattia, come giustificare la propria assenza

Potrebbe interessarti anche: Assegno di invalidità, l’INPS lo eroga con un preciso problema di salute

E c’è anche l’assegno di accompagnamento mensile, che dà il diritto ad ottenere 522,10 euro se il soggetto colpito non è autosufficiente. Sarà vincolante il parere del medico di base e poi andrà inoltrata domanda all’INPS, cui farà seguito una visita di verifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *