Fame nervosa, quando il cibo diventa conforto o ricompensa

Fame nervosa, quando il cibo diventa conforto o ricompensa: è capitato a tutti. Quando però diventa un meccanismo ripetitivo, dobbiamo preoccuparci

fame-emotiva-
(da pixabay)

Quando il cibo non è più solo cibo. Noi mangiamo per nutrirci, per stare bene, per essere belli e in forze. Spesso capita che lo dimentichiamo: avete mai sentito parlare di fame emotiva, o fame nervosa, che dir si voglia? Accade quando non è il nostro corpo ad aver bisogno di nutrienti ma noi ad aver bisogno di coccole. Al contrario della fame normale, subentra d’improvviso e sembra inarrestabile.

Ti potrebbe interessare anche->I 3 marchi migliori di pandori del 2021: come riconoscere un prodotto di qualità

Fame nervosa, quando il cibo non è più solo cibo

fame-emotiva-
spesso ad essere divorato è il cibo spazzatura (pixabay)

La fame nervosa costituisce una risposta che diamo ai nostri stimoli emotivi. Quando ci sentiamo arrabbiati, o afflitti, o vogliamo premiarci di qualcosa, diamo la risposta immediata del cibo. Solitamente l’impulso, la corsa alla dispensa, diventa uno stimolo incontrollabile. Il cibo viene caricato di gratificazione e riesce, in quel momento di sconforto, a dare piacere.

Ti potrebbe interessare anche->Consigli per una tavola imbandita a regola d’arte per Capodanno

Possiamo mangiare per colmare, come già detto, un evento traumatico, come un litigio. O anche possiamo mangiare per noia, visto la facilità con cui questa tende ad insediarsi nelle nostre vite, e anche per abitudine. Anche la solitudine è spesso considerata come uno dei fattori scatenanti. Questa pratica in realtà ha ben dimostrato che, sul lungo periodo, sortisce l’effetto contrario: abbassa ancor di più l’umore ma anche l’autostima, perché non siamo riusciti a controllarci. In più può impattare in modo notevole sul peso.

Cosa fare per cercare di uscire da questo meccanismo? Dobbiamo controllare l’imput, scendiamo a patti con noi stessi e diciamoci “aspetto solo qualche minuto”. In quei minuti concessi, cerchiamo di mettere a fuoco che noi non desideriamo il cibo ma una gratificazione o una consolazione, il cibo in quel momento è una via traversa ad un problema. Prossimo passo è chiedersi: qual è il problema? e procedere alla soluzione reale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *