False convinzioni sul consumo dei latticini: quali sono

Molte false convinzioni popolano il mondo della cucina e alcune di queste interessano i latticini. Vediamo insieme quali sono. 

False convinzioni latticini
Mozzarella di bufala (Pixabay)

A volte viviamo basando i nostri  comportamenti su delle convinzioni che si possono rivelare semplicemente fasulle. Non è infatti detto che se le cose le conosciamo in un certo modo allora quello sia l’unico modo possibile. Eppure a volte non riusciamo a vedere al di là del nostro naso perché “si è sempre fatto così”.

Questo accade molto spesso nella vita, ma anche in cucina. In questo caso vogliamo parlarvi dei latticini e di come sono sempre stati consumati a tavola. Siamo sicuri che il modo che conosciamo sia l’unico?

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Formaggi e latticini, cambiano le etichette: cosa si modifica sugli indicatori

Come mangiare i latticini: smentiamo le false convinzioni sulla mozzarella di bufala

False convinzioni latticini
Mozzarella di bufala (Pexels)

Ci sono dei  cibi che pensiamo possano avere dei benefici e invece non è così. Altri ancora che pensiamo possano fare ingrassare e invece non è vero. Cosa si dice invece dei latticini?

Essendo dei prodotti freschi, è ormai radicata la convinzione che si debbano consumare solo freddi. Sbagliato! Ovviamente è possibile farlo, ma di certo questa modalità non è quella più gustosa al palato. Stiamo parlando in particolare della mozzarella, che sia di bufala o fiordilatte.

È bene specificare che queste due tipologie non sono uguali. Si tratta in entrambi i casi di latticini, ma se la mozzarella di bufala viene realizzata esclusivamente con il latte di questo animale, la mozzarella fiordilatte (o di latte vaccino) è fatta con latte di mucca. Si tratta della più comune mozzarella.

Parlando della conservazione bisogna fare molta attenzione. Mozzarella di bufala e di fiordilatte, se sono artigianali, vanno consumate entro due giorni e conservate in luogo fresco, non in frigorifero!

Veniamo dunque al momento clou. Possiamo consumare la bufala mettendola semplicemente nel piatto e mangiandola. Oppure  è possibile renderla ancora più gustosa con un piccolo trucco.

Prima di metterla nel piatto, immergete la bufala in acqua calda a 40°C insieme a tutta la confezione. L’acqua calda provocherà una differenza termica tra l’interno e l’esterno, rendendo gustosissimo il formaggio. La parte esterna diventerà infatti tiepida, mentre quella interna freschissima. Questa operazione può essere ripetuta anche con la mozzarella fior di latte, ma in questo caso l’acqua deve essere a 25- 30°C.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Tutti i cibi che aumentano la fertilità stimolando l’ovulazione

Abbiamo dunque appurato che è bene consumare il cibo in base a ciò che sappiamo e alle tradizioni ormai radicate nel corso del tempo, però è anche giusto sperimentare nuove possibilità, che a volte possono essere migliori di quelle che conosciamo! (Serena Ponso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *