Orchidea, i boccioli non si schiudono? Perché succede e come risolvere

Vi siete presi cura della vostra bellissima orchidea ma nonostante tutte le attenzioni i boccioli sono comunque rimasti chiusi? Le possibili causa e cosa fare per risolvere.

Orchidea boccioli chiusi
Orchidea (Download da Adobe Stock)

L’orchidea è una pianta molto amata per via della sua incredibile bellezza ed eleganza, è molto utilizzata per arredare un angolo dell’appartamento dando quel tocco in più che rende l’ambiente più accogliente.

Molti quando la acquistano la prendono piena di boccioli con la speranza che possano schiudersi poi tutti per ottenere un aspetto meraviglioso. Può però capitare che i boccioli, nonostante le cure, restino chiusi. Perché succede? Le ragioni possono essere diverse. Oggi vi sveliamo perché i fiori possono far fatica a sbocciare e cosa fare per evitarlo.

Con alcune semplici accortezze potrete aiutare i boccioli della vostra splendida orchidea ad aprirsi per avere dei fiori stupendi che diano un tocco di eleganza e bellezza all’arredamento di casa vostra. Siete curiosi di sapere cosa è necessario fare? Continuate allora a leggere i successivi paragrafi per sapere perché i boccioli di questa bellissima pianta restano chiusi.

Ecco perché i boccioli dell’orchidea restano chiusi e come evitarlo

Orchidea boccioli chiusi
Orchidea boccioli chiusi (Screenshot da Facebook)

Prima di tutto è fondamentale capire se i boccioli sono perfettamente in salute affinché possano sbocciare correttamente. Questi devono essere maturi per la fioritura, dovranno essere grossi se la pianta ha grandi foglie, radici molto spesse e steli rigidi e lunghi.

Potrebbe interessarti anche: Riprodurre un’orchidea con una semplice bottiglia: come fare

È anche importante che i boccioli siano gonfi e carnosi e mai raggrinziti, significherebbe altrimenti che non sono in salute. Osservate anche il loro colore, devono essere verde chiaro se i fiori sono chiari, se invece sono scuri anche i boccioli dovranno essere scuri.

Se i boccioli restano chiusi nonostante siano grandi e maturi è possibile che la pianta sviluppando abbia assorbito dal terriccio tutti i necessari nutrienti. Sarà quindi necessario creare un nuovo e fresco substrato affinché i fiori possano schiudersi. Utilizzate un terriccio ricco di essenziali elementi come materiali drenanti, vermiculite, corteccia e altro ancora. Dopo aver creato un nuovo substrato dovrete annaffiare con più frequenza la vostra orchidea perché avrà bisogno di un maggiore quantitativo d’acqua.

Potrebbe interessarti anche: Orchidea: come prendersi cura delle sue foglie, aspetto da non sottovalutare

Anche l’esposizione della pianta gioca un ruolo fondamentale, specie in fase di fioritura. L’orchidea ha bisogno di molta luce, ma mai diretta perché i raggi solari potrebbero danneggiarla irreparabilmente. La pianta non deve mai essere posizionata in un luogo troppo secco o caldo, questo deve infatti essere umido. L’umidità la fa crescere in salute e favorisce la fioritura. Un ambiente troppo secco potrebbe impedire ai boccioli di aprirsi.

Tenete sempre la pianta pulita, la formazione di polvere sulle foglie potrebbe impedire alla pianta di assorbire la luce di cui ha bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *