C’è una pianta che è considerata un antinfiammatorio naturale

L’inverno è la stagione in cui siamo più esposti batteri e virus, ma esiste una pianta che potrebbe aiutarci, considerata un vero e proprio antinfiammatorio naturale.

pianta antinfiammatorio naturale
Cuore ricavato dalle piante (Pixabay)

Gli sbalzi di temperatura sono in grado di mettere in crisi il nostro sistema immunitario e ciò capita soprattutto in questa stagione. Possiamo proteggerci assumendo alimenti ricchi di minerali e vitamine oppure ricorrendo all’aiuto di integratori.

Ma forse non tutti sanno che anche le piante sono in grado di aiutarci. Esiste addirittura una pianta che, grazie alle sue caratteristiche, è considerata un vero e proprio antinfiammatorio naturale. Scopriamo insieme di quale pianta stiamo parlando.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Salice piangente: gli infiniti usi di una pianta ‘leggendaria’

La pianta considerata un’antinfiammatorio naturale

pianta antinfiammatorio naturale
Salice (Pixabay)

Il Salice, appartenente alla famiglia delle Salicaceae, è una pianta dalle molteplici proprietà benefiche, che si trovano soprattutto nelle sua corteccia. Per questo molto utilizzata in ambito fitoterapico ed erboristico e per la preparazione di decotti e tisane. Facilmente riconoscibile grazie ai suoi rami ricadenti e flessibili e alle sue foglie caduche, il Salice è una pianta molto longeva. Si può trovare molto spesso in prossimità di corsi d’acqua e laghi.

Le proprietà di questa pianta sono note fin dai tempi antichi. La corteccia e le foglie del Salice sono menzionate addirittura nei testi di medici egizi del II millennio a.C. Anche Ippocrate, celebre medico greco, ne descrisse nel V secolo a.C. le proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche. Tali proprietà sono state poi ulteriormente studiate e ribadite anche da altri medici antichi, come Plinio e Dioscoride.

Considerata per tutti questi motivi un antinfiammatorio naturale, questa pianta è in grado di proteggere l’organismo dai malanni di stagione, come raffreddore, mal di gola, febbre e mal di testa. Ciò avviene grazie all’assunzione del principio attivo più importante contenuto all’interno della pianta, ovvero la salicina o acido salicilico. Questo è in grado di svolgere anche un’azione antipiretica e analgesica.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >

Questa pianta è dunque un ottimo prodotto da utilizzare in questo periodo, ma non per questo è privo di controindicazioni. Non deve essere assunto in caso di gravidanza, asma, di allergie ai salicilati o contemporaneamente a terapie anticoagulanti. (Serena Ponso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *