La cura delle piante parte dall’osservazione del terriccio, come e quando intervenire?

Come e quando intervenire per cambiare il terriccio e curare le piante? Ecco alcuni consigli su come agire tempestivamente per avere piante forti e belle.

quando intervenire per cambiare il terriccio e curare le piante
Quando intervenire per cambiare il terriccio e curare le piante (foto da Pixabay)

Come e quando intervenire per cambiare il terriccio e curare le piante? Ecco alcuni consigli su come agire tempestivamente per avere piante forti e belle. Occorre creare condizioni favorevoli e un habitat confortevole per far crescere una pianta sana e forte. Di solito, il tutto incomincia dal terriccio utilizzato.

Una pianta, per crescere sana, ha bisogno di luminosità, di acqua e di sostanze nutritive che assorbe proprio dal terreno. Eppure molti fanno parecchi errori proprio nella concimazione di quest’ultimo. Quale terriccio scegliere per le proprie piante? Vediamo cosa occorre sapere per la cura delle piante.

Potrebbe interessarti anche → Come far germogliare i chicchi di caffè: informazioni e consigli utili

Cosa sapere riguardo al terriccio per la cura delle piante

pothos, come mantere le belle sfumature bianche
Se le piante crescono lentamente significa che non ricevono i giusti nutrienti (foto da Pixabay)

Se per caso notiamo che le nostre piante siano mosce e spente, probabilmente è un problema del terreno utilizzato. Magari la pianta assume la giusta luce e viene annaffiata regolarmente, eppure sta per morire. Bè, nella maggior parte dei casi è colpa del terreno. Qui vi affondano le radici e da qui la pianta si alimenta, perciò è importante osservare il terriccio.

Se le piante crescono lentamente significa che non ricevono i giusti nutrienti. Se le foglie si seccano, ingialliscono oppure appassiscono inspiegabilmente, c’è qualcosa che non va. A questo punto sarebbe meglio cambiare il terriccio. Rinvasare una pianta ogni tot anni è importante. Se non è il momento giusto per il rinvaso, allora si può intervenire utilizzando dei fertilizzanti.

In questo caso bisogna rivitalizzare il terreno, restituendo tutti i principi attivi che non riesce a generare. Il periodo migliore in cui farlo è l’autunno, in questo modo il terreno sarà pronto e resistente per l’inverno. Occorre aggiungere un compost al terreno, il compost si compra facilmente nei negozi appositi, oppure si fa direttamente in casa. Una volta rivitalizzato il terreno col compost, lasciamo a riposo per un mese.

Potrebbe interessarti anche → Proteggere e curare le piante: si può fare anche con candeggina e latte

Dopo un mesetto si può travasare la pianta, che subito si nutrirà di fosforo, azoto e potassio. A volte, per curare una pianta, non serve neanche rigenerare il terreno, ma basta solo disinfettarlo. Parassiti e funghi possono attaccare la pianta, a questo punto non serve altro che una disinfezione. Come si attua? Spargendo bicarbonato di sodio sul terriccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *