Piante, annaffiarle dal fondo apporta notevoli benefici: vi spieghiamo come fare

Sapevate che l’irrigazione dal basso apporta notevoli benefici alle piante? Vi sveliamo quali sono e come fare per annaffiarle dal fondo.

Annaffiare piante dal basso
Annaffiare piante (Download da Adobe Stock)

È importantissimo sapere come prendersi perfettamente cura delle proprie piante se si desidera farle durare a lungo e in ottima salute. Ogni pianta ha diverse necessità e caratteristiche, alcune sono molto sensibili al tipo di terreno, alla luce, all’eccessiva quantità d’acqua ma anche al modo in cui vengono annaffiate.

Alcune piante infatti non sopportano sulle loro foglie gli schizzi d’acqua, potrebbero infatti rovinarsi anche in modo irreparabile. Queste tipologie necessitano infatti di un’annaffiatura dal fondo per evitare ogni rischio. Quando si annaffia la pianta dall’alto sono i primi strati ad assorbire per primi l’acqua, questi esercitano poi una pressione negli strati che si trovano sotto.

In molti non sanno che l’irrigazione dal basso apporta notevoli benefici a molte piante, il terriccio non necessita spesso di arieggiare e conserverà più a lungo la sua qualità. A quanto pare, si riduce notevolmente anche il rischio della comparsa di parassiti. La pianta è più protetta perché lo strato superiore non essendo bagnato non attirerà gli insetti che amano l’umidità. Anche le foglie appariranno al tatto secche e asciutte, i parassiti quindi non le succhieranno.

Ecco come si annaffiano le piante dal basso

Annaffiare piante dal basso
Pianta (Screenshot da Facebook)

Con l’irrigazione dal fondo l’acqua arriva subito alle radici, ciò consente loro di crescere nel modo corretto, cioè verso il basso. In questo modo saranno più forti e dureranno più a lungo in salute.

Potrebbe interessarti anche: Piante resistenti e rigogliose anche in inverno? Il caffè è la soluzione

Volete annaffiare le vostre bellissime piante dal basso? Farlo è davvero molto semplice, se queste sono piccole vi servirà solamente un contenitore pieno d’acqua. Dopo averlo riempito immergete almeno 3/4 di vaso della pianta e lasciatela così per almeno dieci minuti per consentirle di assorbire l’acqua necessaria.

Potrebbe interessarti anche: Orchidea, i boccioli non si schiudono? Perché succede e come risolvere

Se le piante sono più grandi il contenitore non è la scelta ideale. In questo caso mettetele dentro la vasca da bagno riempita con l’acqua necessaria ad immergere anche in questo caso il vaso per i suoi 3/4. Trascorso il tempo necessario attendete che l’acqua in eccesso scoli dopodiché asciugate il vaso della vostra pianta e rimettetela al suo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *