Perché si dovrebbe mangiare frutta in una dieta povera di carboidrati

Secondo la scienza in una dieta povera di carboidrati non si deve smettere o diminuire il consumo di frutta. Ecco qual è il motivo.

dieta carboidrati frutta
Frutta fresca (Pexels)

Quando si sta affrontando una dieta povera di carboidrati per perdere peso è importante non inciampare nell’errore che lo zucchero fa male. I carboidrati sono infatti considerati zuccheri, così come lo sono anche la frutta essendo ricchi di glucosio. I pazienti che adottano una dieta integrale a base vegetale, aumentano l’assunzione di carboidrati e spesso vedono regredire malattie croniche tra cui diabete e ipertensione. Il “mito” dello zucchero è molto comune purtroppo.

Una dieta, al contrario, povera di carboidrati e frutta e ricca di proteine soltanto, porta solamente disagi al corpo umano. Primo andando a vanificare il lavoro della dieta, che invece di ridurre il peso lo aumenta. Secondo, per chi soffre di diabete, può comportare un aumento della glicemia nel sangue.

Ti potrebbe interessare anche >>> Glicemia alta? Le bevande migliori per abbassare i livelli di glucosio

Glucosio: mangiare frutta in una dieta povera di carboidrati è utile all’organismo

dieta carboidrati frutta
Zuccheri e frutta (Unsplash)

Il corpo umano funziona a glucosio, il quale è lo zuccheri semplice che le cellule usano per produrre energia. Inoltre è un elemento costitutivo molecolare dei carboidrati, uno dei tra macronutrienti essenziali (carboidrati, proteine, grassi). I carboidrati vegetali come frutta, verdura, cereali integrali, noci e semi vari, sono ricchi di nutrienti. La frutta contiene inoltre fitonutrienti e antiossidanti. I fitonutrienti, come l’acido ellagico contenuto nelle fragole, hanno proprietà antitumorali e promuovono la salute del cuore.

Ti potrebbe interessare anche >>> Mangiare carboidrati prima di andare a dormire fa male? Il parere degli esperti

Gli zuccheri raffinati, invece, sono altamente trasformati e privati di tutti i nutrienti tranne che per le calorie. Essi non sono direttamente tossici per le cellule ma possono combinarsi con proteine e grassi nel flusso sanguigno, andando ad aumentare i livelli di glucosio nel sangue. Livelli alti di glucosio nel sangue possono portare a patologie cardiovascolari e al diabete. Quindi, in sostanza, le diete povere di carboidrati possono portare ad una riduzione del peso sì, ma a discapito della propria salute. Da limitare sono soltanto gli zuccheri raffinati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *