Calorie negative: cosa sono e dove sono contenute

Le calorie negative se inserite in una dieta variegata aiutano a dimagrire. Vediamo perché hanno questa facoltà e dove possiamo trovarle.

Calorie negative
Calorie (AdobeStock)

Bisogna specificare, innanzitutto, che le calorie negative sono tutti quegli alimenti che hanno così poche calorie da essere considerate negative. Nel senso che, ogni volta che si ingerisce un determinato cibo, tra la masticazione e la fase digestiva si impiega una certa dose di energia, consumando così calorie. Queste azioni quotidiane incidono in modo rilevante sulle calorie giornaliere che consumiamo. Quindi, gli alimenti a calorie negative sono quegli alimenti, che rapportati al dispendio energetico del processo digestivo di cui hanno bisogno, non forniscono calorie praticamente.

Non devono essere considerati alimenti miracolosi e quindi basare una dieta incentrata su questi cibi. Anzi, se abbinati perfettamente ad una dieta equilibrata, questi possono aiutare nella perdita di peso o a mantenere il “peso forma”. La caratteristica principale degli alimenti a calorie negative è che rendono sazi, grazie alla quantità di acqua e fibre al loro interno.

Ti potrebbe interessare anche >>> Latte di pistacchio: l’alternativa vegetale e nutriente da gustare

Gli alimenti più comuni che sono a calorie negative

calorie negative
Finocchio (Unsplash)

Gli alimenti principali che hanno un basso apporto calorico, contengono molta acqua e sono una fonte importante di fibre e sali minerali. I cibi in elenco contengono meno di 30 calorie per 100 grammi:

  • Finocchi
  • Zucchine
  • Funghi
  • Lattuga
  • Cetrioli
  • Sedano
  • Ravanelli
  • Lattuga
  • Frutta: pompelmo, fragole e mele.

Ti potrebbe interessare anche >>> Scopriamo i molteplici benefici di bere ogni giorno acqua e semi di finocchio

Il modo più giusto, per sfruttare al meglio i benefici di questi alimenti, è di introdurli negli spuntini di metà mattina o metà pomeriggio. Per esempio, il finocchio e il sedano sono ottimi da consumare anche crudi e mangiandoli in questo modo si sfrutta la meglio l’impatto calorico negativo, ottenendo un senso di sazietà. Per quanto riguarda le verdura, queste è meglio abbinarle ad una fonte di carboidrati in modo da ottenere un maggior controllo del carico glicemico del pasto. Assumendo quotidianamente alimenti di questo tipo, il corpo ne beneficerà di sicuro, ottenendo una dieta sana aiutando nella perdita di peso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.