Legge 104, chi approfitta dei permessi rischia il posto e non solo

Le agevolazioni della Legge 104 comportano non solo un importante sussidio economico ma anche dei permessi che riguardano il lavoro. Chi è infedele però rischia.

Legge 104 chi ne approfitta rischia grosso
Legge 104 chi ne approfitta rischia grosso Foto dal web

La Legge 104 offre un sostegno economico importante per quelle famiglie che hanno al loro interno uno o più individui affetti da problematiche gravi, sia dal punto di vista fisico che mentale. Per quelle situazioni tali da costringere tali persone a non potere più essere autosufficienti.

Condizioni del genere riguardano inevitabilmente anche delle spese sostanziose da affrontare di mese in mese, per esempio per l’acquisto di farmaci necessari o per il funzionamento di macchinari e di apparecchiature salvavita.

Tra le possibilità offerte dalla Legge 104 c’è ad esempio l’esenzione del pagamento dei parcheggi sulle strisce blu, qualora i posti per i disabili fossero tutti occupati. Oppure è possibile, per chi deve fornire sostegno ad un proprio caro, assentarsi per il tempo che serve dal luogo di lavoro per andare a monitorare la situazione.

Legge 104, non solo vantaggi: non bisogna approfittarne

In merito alla Legge 104, l’INPS offre copertura per tre giorni al mese retribuiti oltre anche ad altri congedi, altrettanto sottoposti a regolare retribuzione e che possono essere ottenuti nel giro di due mesi dalla richiesta inoltrata.

Foto dal web

E si può inoltrare richiesta per potere ottenere, nei casi più gravi, la possibilità di lavorare il più vicino possibile a dove si trova il soggetto che necessita di assistenza.

E poi c’è tutta una serie di importanti sgravi fiscali. Ma occhio a non approfittare in malafede dei permessi forniti dalla Legge 104.

Potrebbe interessarti anche: Cessione del credito, conviene approfittarne prima del 7 febbraio 2022

Cosa si rischia: non solo delle mega multe

Infatti c’è chi si prende la mano con tutto il braccio, e nel fare ciò approfitta dei benefici che dovrebbero essere usati per fare del bene ai propri cari, per fare invece i propri comodi. Ebbene, è meglio sapere che ci sono delle sanzioni molto pesanti per coloro che vengono colti in flagrante.

Potrebbe interessarti anche: Assegno unico 2022, è compatibile gli con sgravi IRPEF per i figli?

Un pò come avviene per i cosiddetti “furbetti del cartellino”, che prendono lo stipendio facendo finta di lavorare, anche per chi sfrutta la 104 ritagliandosi del tempo in maniera indebita si può andare incontro a multe pesantissime e non solo. Le sanzioni pecuniarie possono superare addirittura i 5mila euro.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Affitti, come inoltrare richiesta: via al bando in questa Regione

Ma si può pure arrivare a delle situazioni nelle quali è legittimo più che mai procedere con il licenziamento unilaterale per giusta causa. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con una sentenza che, come si suol dire in questi casi, fa scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *