Chiarezza mentale, tre suggerimenti per avere dei pensieri nitidi

Chiarezza mentale, tre suggerimenti per avere pensieri nitidi e di conseguenza essere in pace con te e con i tuoi pensieri

Chiarezza mentale suggerimenti
Yoga e Pratica meditativa (Pixabay)

La quiete mentale è spesso un proponimento che ci pare lontanissimo; siamo totalmente immersi in una realtà che ci attornia, alle volte ci soffoca, su tutti i lati: non che ci sia possibilità di recarsi altrove, ovviamente. Si scappa da qualunque cosa tranne che dalla propria mente: ancora peggio da quando, con l’avvento dei social, non abbiamo più rifugio anche nelle nostre case. Sempre reperibili ed esposti al mondo, ci troviamo con la mente che pullula di voci ed informazioni, anche voci e informazioni che non abbiamo chiesto.

Questo, sulla nostra salute mentale, ha un impatto anche abbastanza grave. Perdiamo la chiarezza: quante volte, nel dissolversi continuo dei pensieri, ci siamo sentiti storditi, confusi? Quante volte, nel coro convulso di così tante voci, abbiamo perso quello che volevamo, magari il nostro stesso eco? Perché questo non avvenga più ecco tre suggerimenti per avere una chiarezza mentale migliore.

Ti potrebbe interessare anche->Richiamo alimentare: ritirato noto marchio di torrone alle mandorle, tutti i dettagli

Chiarezza mentale, tre suggerimenti per avere pensieri nitidi

Pratica meditativa
Donna con le braccia spalancate (Pixabay)

Ovviamente il silenzio a cui ambiamo è uno status che si raggiunge solo dopo molte riprove; la strada però è quella da iniziare, per cui vediamo i nostri suggerimenti.

Ti potrebbe interessare anche->Dieta per vita sedentaria, cosa mangiare quando non si pratica sport

Tieni un diario: potrebbe essere un diario mattutino o serale per programmare o per raccontare la giornata. Puoi usarlo anche in un’altra funzione: se il tuo problema è allontanare i pensieri e non esserne cannibalizzato, puoi scegliere un’agendina che sia piccola e maneggevole così da scrivere ogni volta che un pensiero si fa particolarmente pungente: così lo depotenzierai e potrai più facilmente controllarlo.

Usa il senso critico: sii molto oggettivo e chiaro. Per aiutarti, puoi porti delle domande che ti aiutino a fissare un limite. Per esempio “Cosa voglio da questa giornata?” “Qual è il mio obiettivo?” “Quali valori voglio seguire?” e, a seconda delle risposte che ti darai, potrai facilmente capire quale pensiero ti è utile coltivare e quale è meglio lasciar cadere.

Mindfulness:  è la maggior alleata. E pensa che è nata proprio per questo! La mindfulness è una pratica meditativa che ci aiuta ad essere totalmente presenti a noi stessi, qui ed ora, concentrandoci solo sulle emozioni e sui pensieri che davvero ci servono, senza che altri pensieri ci trascino stanchi dove non vogliamo. Come tutte le pratiche meditative, ha bisogno di pratica ma anche qui vale quanto detto prima: non resta che semplicemente iniziare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd