Bollette 2022, attenti a questi due elettrodomestici: staccateli sempre

Quando non in uso, andrebbero sempre tolti dalla presa della corrente. Altrimenti faranno aumentare in maniera ulteriore il costo della luce nelle bollette 2022.

Calcolo delle bollette
Calcolo delle bollette (Pixabay)

Bollette 2022, l’importo che tutte le famiglie e le imprese italiane troveranno nel corso dell’anno sarà estremamente pesante. Le utenze della corrente elettrica e del gas sono estremamente costose, a causa di tutta una serie di convergenze negative avvenute in contemporanea.

E l’ultimo carico tremendo lo ha dato la Russia con la sua insensata guerra mossa contro l’Ucraina allo scopo di conquistarla. Tutto questo, nello scenario delle bollette 2022 che ci ritroveremo a pagare, causerà un ulteriore innalzamento degli esborsi che dovremo sostenere.

Va anche detto che, tanto nelle bollette 2022 quanto in quelle passate ed in quelle future, è presente una considerevole percentuale di costi aggiuntivi che vanno sotto alla voce di “spese accessorie”. E che gravano sulla cifra finale per circa il 20%. Il resto è invece rappresentato dal consumo registrato.

Potrebbe interessarti anche: Impianti fotovoltaici, la guerra azzera i permessi: “Più facile installarli”

Bollette 2022, i due elettrodomestici-trappola: stacchiamoli quando non in uso

Condizionatore
Condizionatore (Pixabay)

Quel che possiamo fare per tamponare gli elevati prezzi riportati nelle nostre bollette è provare a mettere in atto una serie di comportamenti virtuosi nell’ambito dell’economia domestica. I rincari possono essere fronteggiati cercando di azzerare i consumi in casa. E la cosa non vale solo per luce e gas ma anche per l’acqua.

Ma riguardo alla corrente elettrica, ci sono ben due elettrodomestici o dispositivi che consumano un bel pò anche quando sono spenti. Il solo fatto di essere collegati li porta ad erogare un utilizzo di energia che è in media di 80 Watt all’anno.

Potrebbe interessarti anche: Bolletta della luce, il consiglio vitale per risparmiare centinaia di euro

Si tratta del condizionatore, che può gravare anche per ben 130 euro sempre in media ogni anno. Quando non è impiegato, sarebbe bene interrompere la sua alimentazione. Questo farà bene sia al nostro portafogli che all’ambiente, evitando inutili sprechi.

Potrebbe interessarti anche: Rincari 2022, prezzi alle stelle e supermercati vuoti: per quanto durerà?

Lo stesso vale anche per il televisore od un monitor in generale. Anche quando spento e con la classica lucina rossa ad indicare tale stato, è in realtà in corso un consumo di energia elettrica pari a 25 Watt all’anno. Per cui si consiglia sempre di togliere ogni elettrodomestico dalla corrente quando non lo stiamo utilizzando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *