Le 5 conseguenze che derivano dal vivere di notte e come il corpo cambia

Vivere e lavorare di notte, le persone devono adattare il proprio corpo a quel determinato ritmo per compensare il sonno, ecco quali sono le conseguenze.

non dormire la notte
Stress e ansia (Pixabay)

Le ragioni possono essere molteplici, dall’insonnia o per lavoro. Tuttavia le persone che si abituano a vivere di notte hanno orari diversi e sballati da quelli imposti dalla natura. E non perché sia una credenza popolare detta da un vicino o dalla nonna, ma perché questo stile di vita può avere conseguenze negative per la tua salute.

Le conseguenze di questo cambio di ritmo possono essere molteplici, ma le principali sono cinque:

  1. Il corpo non si ripara da solo
  2. Ansia e depressione
  3. Si produce più cortisolo
  4. Invecchia
  5. Aumento del rischio di cancro

Ti potrebbe interessare anche >>> Come l’arte aiuta a combattere l’ansia, lo stress e la depressione

Vivere di notte: le 5 conseguenze a cui prestare attenzione

ritmo sballato del sonno
Lavorare di notte (Unsplash)

Il corpo non si ripara da solo

Il corpo umano segue quello che è conosciuto in biologia come ciclo circadiano, un ritmo ciclico del corpo che è dettato dalla natura. L’alba e il tramonto segnano l’inizio e la fine di questo ciclo. Quando si dorme, l’organismo rallenta tutte le sue funzioni per eseguire un lavoro di riparazione di tutte le cellule, le quali si sono deteriorate durante il giorno.

Il metabolismo diminuisce fino al 40% e il corpo ripara il più possibile per ricominciare a lavorare il giorno dopo. Quando si va contro il ciclo circadiano naturale, il corpo non può svolgere al meglio le sue funzioni.

Ansia e depressione

Non dormire bene e stare senza sole per troppo tempo porta naturalmente all’ansia e alla depressione. Il corpo ha bisogno della luce del sole per svolgere i processi legati all’assorbimento di alcune vitamine (come la vitamina D) e altre funzioni vitali del corpo. È stato dimostrato che le persone che vivono in città dove non c’è sole a causa di fattori come l’eccessiva nebbia, per esempio, sono inclini alla depressione e al pessimismo.

Si produce più cortisolo

Quando il naturale ciclo del sonno è disturbato, il corpo come già accennato, non si autoripara. Quindi il corpo stesso pensa di entrare in uno stato di emergenza perché non si dorme abbastanza. Questo comporta la produzione di cortisolo, che è un ormone che viene rilasciato in situazioni di stress per mantenerci attivi, vigili. Di conseguenza non permette di riposare bene, né di realizzare il processo di riparazione cellulare.

Ti potrebbe interessare anche >> Malinconia primaverile: cause e rimedi di questo problema sottovalutato

Invecchia

Semplicemente stare in casa durante il giorno, dormire e vivere di notte, aggiunge diversi anni di fatica e abuso al corpo e all’organismo. Limitando anche le interazioni sociali e privando della possibilità di fare attività che di solito sono programmate durante le ore del giorno. L’affaticamento e l’abuso, vanno a colpire direttamente il corpo invecchiandolo sia dentro che fuori.

Aumento del rischio di cancro

Uno studio fatto in Canada nel 2020, che ha coinvolto circa 2500 donne, ha mostrato che: per ogni donna che lavorava durante il giorno, il 2,25 di donne che lavoravano di notte avevano una qualche forma di cancro, specialmente il cancro al seno. Questo è spaventoso perché il numero di donne con il cancro che lavoravano di notte era più del doppio del numero di donne sane che lavoravano durante il giorno. Oltre a questo, ci sono altri studi che sono stati fatti che mostrano la connessione tra la vita notturna e il cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.