Odore di chiuso in casa: come fare per sconfiggerlo

Casa, odore di chiuso: come sconfiggerlo e profumare l’ambiente. Non dovrai mai più sopportare quel tanfo nauseabondo che ti rovina l’umore

Sconfiggere l'odore di chiuso
Casa (Pixabay)

Noi tutti vorremmo vivere in un ambiente che sia sempre pulito e soprattutto…profumato! D’altronde, avere questi presupposti, di un ambiente ben equilibrato e sano, è indispensabile per poter vivere in modo quieto, con le proprie potenzialità al massimo. Altrimenti rischieremmo di essere distratti dall’ambiente che ci circonda. Inoltre, un ambiente sporco e poco ordinato ci espone a seri rischi, anche fisici: per esempio non è un caso che, più si viva in un ambiente del genere, più è alta la probabilità di ammalarsi di allergie. Pensiamo ad allergie quali quelle degli acari della polvere: in un ambiente tale disturbo potrebbe facilmente aggravarsi o addirittura svilupparsi, se prima non c’era. Potrebbero inoltre esserci problemi respiratori o danni permanenti ai polmoni, se si inalano sostanza nocive che non ci fanno bene.

In questo ambito, siamo costretti a trattare forse uno dei problemi più fastidiosi in assoluto: l’odore di chiuso. Spesso connesso anche con la percezione che, l’aria che respiriamo, sia viziata.

Ti potrebbe interessare anche->Come pulire i muri di casa: le migliori tecniche e i prodotti ideali

Odore di chiuso in casa, come fare per sconfiggerlo

Metodi per togliere l'odore di chiuso
Profumatore ambientale (Pixabay)

Per prima cosa, per eliminare in modo definitivo questa sensazione, occorre vedere se ci siano cause fisiche scatenanti. Intendiamo dire: se sono presenti macchie di muffe, è probabile che siano le responsabili dell’odore che sentite.

Ti potrebbe interessare anche->Pulire il barbecue nel modo giusto prima di riutilizzarlo

Per accertarvi dunque che non ci siano macchie di muffa, provate a spostare mobili, fate grandi pulizie. In caso troviate un riscontro, procedete all’eliminazione del problema, trattando l’aerea con prodotti specifici. Potrebbe essere utile inoltre, mantenere, perché non si ricreino più situazioni analoghe, tenere sotto controllo la temperatura. Evitate temperature troppo calde in inverno e troppo fredde in estate. Non trascurate il fattore umidità, principale responsabile dell’odore che sentite: comprate, sul mercato, un deumidificatore.

Non trascurate neppure soluzioni che siano più semplici: aprire le finestre almeno tre volte al giorno per una decina di minuti e armarsi di profumatori ambientali sono idee ugualmente valide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *