Dieta delle 10 ore: in cosa consiste questo metodo per la perdita di peso

La dieta delle 10 ore è un metodo rigido di dimagrire che si associa al filone del digiuno intermittente. Vediamo come funziona e che cosa si mangia.

dieta digiuno intermittente
Cibo sano (Pexels)

Molte persone sono continuamente alla ricerca di una dieta che possano seguire facilmente e che possa funzionare. Purtroppo, non esiste la bacchetta magica quando si tratta di dover dimagrire e perdere peso per la propria salute. Bisogna necessariamente mettersi d’impegno, essere determinati e voler dimagrire per il motivo giusto.

Inoltre, è necessario evitare il fai da te e rivolgersi ad un nutrizionista esperto. Questo perchè ogni persona è a sè e diversa da un’altra. Ogni persona ha le sue esigenze, il suo stile di vita, i propri parametri e i propri problemi di salute. Esiste una tipologia di dieta che consiste nel digiuno intermittente. Significa che per alcune ore si può mangiare, mentre per il resto della giornata si fa digiuno.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Dieta dopo i 40 anni: nutrienti e vitamine fondamentali per contrastare l’invecchiamento

Fa parte di questa tipologia anche la dieta delle 10 ore. Vediamo qui di seguito in che cosa consiste questa dieta, chi l’ha ideata, che cosa si può mangiare e quando nel corso della giornata.

Dieta delle 10 ore: come funziona e che cosa si mangia

cereali
Cereali (Unsplash)

La dieta delle 10 ore è stata ideata dalla nutrizionista Jeanette Hyde, la quale è convinta che questo regime alimentare possa essere molto efficace e non soltanto per perdere peso in salute. Può esserlo anche per combattere la glicemia, ad esempio. Secondo lei bisogna smettere di mangiare alle 20 di sera per dare molte ore di digiuno all’organismo.

In questo lasso di tempo l’organismo, per mantenere le energie, andrà a prendere il grasso in eccesso per bruciarlo, naturalmente. Si tratta di capire non solo cosa mangiare per stare in salute ma è importante anche quando dedicarsi al cibo. Può essere un modo rigido di procedere e deve essere seguita soltanto per due settimane, non di più. I punti di forza sono il digiuno intermittente e i cibi pieni di fibre.

È una dieta che, però, non va a cambiare troppo lo stile di vita e le abitudini alimentari di una persona. A colazione bisogna preferire cereali integrali, mentre a pranzo si può scegliere tra il pesce, la carne, le uova oppure i latticini. Dalle ore 17, però, si consiglia di assumere tisane che possano avere dei benefici importanti sulla salute. Infine, alle 20 scade il tempo di poter mangiare e poi devono seguire 14 ore di digiuno.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Dieta del cervello: che cos’è e perché fa bene alla salute

Ci sono diverse diete che si appoggiano sulle ore in cui è possibile mangiare e le ore in cui si dovrebbe digiunare. Tuttavia, non fate mai un fai da te, rivolgetevi sempre ad uno specialista. Non tutti possono affrontare questa tipologia di regime alimentare per poter perdere peso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *