Rinite allergica: cosa non bisogna fare per non accentuare l’allergia

Siete inclini alle allergie stagionali? Ci sono alcuni fattori che possono aggravare la situazione. Ecco cosa non bisogna fare quando si è allergici.

Starnutire
Allergia (Pixabay)

La rinite allergica è la risposta agli allergeni. Esistono due tipi di rinite allergica: stagionali e perenni. Le prime si verificano durante le stagioni primaverili e autunnali, e l’allergene principale che le provoca è il polline.

Mentre le allergie perenni si verificano tutto l’anno, e gli allergeni principali che le provocano sono gli acari della polvere.

Tuttavia, pochi sanno che ci sono alcuni fattori che possono accentuare l’allergia stagionale. In questo articolo vedremo cosa non bisogna fare quando si è allergici.

Cosa non fare quando si è allergici

Durante i mesi primaverili avete il naso chiuso, lacrimazione, fate stranuti e avete il prurito agli occhi? Molto probabilmente soffrite di rinite allergica.

Rinite allergica
Un uomo starnutisce (Pexels)

Infatti questi sono i principali sintomi di un’allergia stagionale. Tuttavia, secondo un allergologo del collegio americano, ci sono alcuni fattori che possono accentuare tale allergia.

Nello specifico, secondo l’esperto, cambiando alcune nostre abitudini, potremmo alleviare i sintomi dell’allergia stagionale. Qui di seguito alcune cose che non dovremmo fare se siamo allergici.

Non aprire le finestre al mattino

Quando inizia a fare caldo, uno dei gesti spontanei che presentiamo tutti al mattino è aprire le finestre, non solo per far entrare l’aria fresca ma anche per sbarazzarci degli acari della polvere.

Tuttavia, questa è una delle abitudini, che secondo l’esperto, dovremmo evitare se siamo allergici. Ciò perché aprendo le finestre al mattino, non entra in casa solo l’aria pulita, ma anche il polline, il quale si attaccherà ai tappeti o ai mobili. Sarebbe opportuno, arieggiare la casa durante le ore serali, ore in cui il polline non è presente.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: –Pulizie di primavera: come farle senza stancarsi troppo

Non asciugare i vestiti all’esterno

La primavera è fatta di belle giornate di sole, motivo in più per asciugare i vestiti all’esterno. Tuttavia, anche questa è un’abitudine che, chi soffre di rinite allergica, deve cambiare.

vestiti-asciugare-trucco-
Asciugare vestiti all’esterno (Pixabay)

Ciò perché quando i nostri vestiti sono ad asciugare fuori, non solo assorbono il calore del sole, ma possono assorbire anche granelli di polline trasparenti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –Come asciugare i vestiti senza ricorrere all’asciugatrice

Non mangiare alcuni alimenti

Potrebbe sembrare strano, eppure l’assunzione di alcuni tipi di alimenti possono “peggiorare” la nostra allergia. Infatti una persona allergica al polline, molto spesso può presentare un’allergia incrociata, ossia oltre ad essere allergica ad un determinato tipo di polline può presentare anche un’allergia a determinati alimenti.

Per esempio chi è allergico al polline di betulla non dovrebbe mangiare: nocciole, mele, ciliegie, mandorle, pomodori e sedano.

Mentre chi è allergico al polline di graminacee, non dovrebbe mangiare: patate, pomodori, avena, arachidi, fagioli e piselli. Tuttavia per maggiori informazioni, è opportuno contattare un allergologo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.