Bonus Vacanze 2022: come averlo, chi può richiederlo e quando

La procedura richiesta per potere usufruire del Bonus Vacanze 2022 e chi potrà ottenerlo, ci sono posti limitati per questo vantaggioso sostegno.

Ombrellone in spiaggia e sedie sdraio
Ombrellone in spiaggia e sedie sdraio (Pixabay)

Bonus Vacanze 2022, come si ottiene il sussidio che offre una agevolazione sulle spese per andare in villeggiatura? Si tratta di un provvedimento concepito dall’INPS e che è riservato ai soli pensionati e relative eventuali famiglie, composte da parenti conviventi. Nello specifico, in questo caso si intende per conviventi il coniuge e figli disabili, qualora ce ne siano.

Il rimborso messo a disposizione dal Bonus Vacanze 2022 può essere parziale oppure totale a seconda dei casi. La copertura è valida a prescindere dal luogo di destinazione scelto per una vacanza, purché si tratti di un luogo che rientri all’interno dei confini italiani.

Il Bonus Vacanze 2022 ha assunto anche una denominazione ufficiale: si tratta di “Estate INPSieme Senior” e non si tratta della prima volta che l’INPS organizza tale evento. Questo è invece un appuntamento che ha cadenza annuale e gli aventi diritti saranno 3850 pensionati che avranno la possibilità di godersi una villeggiatura tra i mesi di luglio ed ottobre.

Chi può richiedere il Bonus Vacanze 2022?

Una ridente località sul lago
Una ridente località sul lago (Pixabay)

I pensionati presi in considerazione per questa iniziativa sono ex lavoratori della Pubblica Amministrazione oppure che risultino affiliati alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. E relativi membri di famiglia conviventi, come detto tra coniugi e figli disabili.

Gli ex dipendenti della PA avranno un soggiorno di 8 giorni e 7 notti in Italia (mille posti) e 15 giorni e 14 notti, sempre in Italia (duemila posti). Gli iscritti alla Gestione unitaria avranno invece 250 contributi per soggiorni di 8 giorni e 7 notti e 600 contributi per soggiorni di 15 giorni e 14 notti.

Sarà vincolante l’ISEE presentato, che dà diritto al rimborso totale della spesa sostenuta se inferiore a 8mila  euro, per scendere poi gradualmente.

Quando si può richiedere il Bonus Vacanze 2022

Busti esposti in un museo
Busti esposti in un museo (Pixabay)

Se i ricavi annui totali dell’ultimo anno disponibile in certificazione dovessero superare i 72mila euro, il rimborso cala al 60% del totale. Dal sito dell’INPS si legge:

€ 800,00 per il contributo riferito ad un soggiorno in Italia di durata pari a otto giorni/sette notti;
€ 1.400,00 per il contributo riferito al soggiorno in Italia di durata pari a quindici giorni /quattordici notti.

Tra le spese coperte, e che verranno offerte dall’operatore turistico scelto dai beneficiari, figura anche la copertura assicurativa, oltre a tutte le attività solitamente contemplate in una vacanza. Per presentare richiesta di ottenimento per il Bonus Vacanze 2022 i termini si sono aperti il 21 marzo 2022. C’è tempo fino alle ore 12:00 del 15 aprile 2022.

Potrebbe interessarti anche: Bonus Benzina, solo alcuni possono avere il voucher da 200 euro

Come avere il Bonus Vacanze 2022

La stessa andrà caricata sul sito web dell’INPS accedendo tramite Spid o Carta di Identità Elettronica e completare i relativi campi richiesti dopo avere trovato la sezione di Estate INPSieme Senior. Andrà riportato anche il codice Iban sul quale ricevere il rimborso spettante.

Potrebbe interessarti anche: Vacanze di Pasqua, quando iniziano e quando finiscono in tutta Italia

Poi, entro il prossimo 18 maggio, verrà pubblicata la graduatoria di riferimento sempre sul sito dell’INPS. Ed entro il 15 luglio prossimo andrà versato un acconto del 20% del totale, con tutti i rimborsi spettanti che avranno luogo invece a vacanza finita.

Potrebbe interessarti anche: Bonus casalinghe, l’assegno scatta anche in vacanza: come averlo

I beneficiari pagheranno di tasca loro tutto quanto per poi caricare le relative fatture sul sito INPS ed ottenere tutti i rimborsi spettanti entro il 30 novembre 2022 (se provvedere a caricare tutta la documentazione richiesta entro il 28 ottobre precedente, n.d.r.) oppure entro il 15 febbraio del 2023 (se caricate invece dopo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *