Pfas nei cibi da fast food e in molti altri alimenti confezionati: tutti i rischi

Un’indagine recente condotta negli Stati Uniti ha rinvenuto tracce di Pfas in moltissimi cibi fast food e packaging alimentari. Tutti i dettagli.

Sostanze dannose negli alimenti
Hamburger e patatine (Adobe Stock)

Una nuova indagine, condotta da Consumer Reports, ha rilevato enormi percentuali di Pfas in involucri per cibi da fast food e di catene di ristoranti. Questa sostanza è particolarmente dannosa per il sistema immunitario, vediamo perché.

Pfas negli alimenti da fast food: pericoloso per la salute

Consumer Reports ha confrontato circa 100 prodotti impiegati come imballaggi per cibi venduti nelle grandi catene di ristoranti americani e nei fast food. Il risultato? I ricercatori hanno rinvenuto preoccupanti quantità di Pfas al loro interno.

Fast food
Patatine fritte (Adobe Stock)

Ma di cosa si tratta? Sono sostanze perfluoro alchiliche, estremamente dannose per l’ambiente e per l’uomo. Si trovano ormai ovunque, in ogni tipo di involucro alimentare, confezione o imballaggio resistente che spesso vendono nei ristoranti o nei fast food.

Su 100 prodotti analizzati, la maggior parte conteneva questa sostanza pericolosa. L’indagine era rivolta a prodotti commercializzati principalmente negli Stati Uniti, ma potrebbe trattarsi di un fenomeno globale vista l’enorme quantità di imballaggi usa e getta che ancora circolano nei fast food di tutto il mondo.

Di seguito, i prodotti in cui lo Pfas è maggiormente presente:

  • sacchetti per patatine fritte;
  • involucri per hamburger;
  • insalatiere e piatti di carta monouso.

Come specificato da Consumer Reports: “La percentuale di Pfas superava il limite di 100 ppm di fluoro organico totale, un livello che non sarà consentito in California a partire dal prossimo anno.”

I fast food maggiormente coinvolti in questa indagine sono: Burger King, Mc Donald’s, Chic-fil-A.

Potrebbe interessarti anche: Interferenti endocrini: i rischi nei cosmetici, la lista di tutte le sostanze da evitare

Tutti i rischi connessi allo Pfas

Si tratta di una sostanza chimica, persistente nell’ambiente e quindi non degradabile. E’ particolarmente dannosa per il sistema immunitario causandone la soppressione. Inoltre potrebbe provocare alcuni tumori o una riduzione drastica del peso dei nascituri.

Potrebbe interessarti anche: Cosmetici con PFAS: uno studio rivela in quali prodotti ci sono

Questo perché gli Pfas migrano dall’imballaggio in cui sono contenuti al cibo stesso, venendo di conseguenza assorbiti dall’organismo. Un’esposizione chiara e diretta che può mettere a repentaglio la salute delle persone e non solo. Sembrerebbe infatti che l’impatto ambientale degli Pfas sia disastroso, in quanto in grado di contaminare aria, terra e acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.