Alzheimer: i livelli di colesterolo e glucosio possono indicarne lo sviluppo

I ricercatori hanno trovato una correlazione tra livelli di colesterolo e glucosio nel sangue all’età di 35 anni e l’Alzheimer. Ecco cosa hanno scoperto.

Perdita della memoria
Perdita della memoria (Unsplash)

Quando si è giovani, non si pensa alle malattie della “vecchiaia”, tuttavia prestare attenzione ai livelli di colesterolo, della glicemia e dei livelli di grasso nel sangue è un buon investimento per il proprio futuro. Aumentare il colesterolo buono di 15 mg, per esempio, riduce il rischio di demenza del 18%. L’Alzheimer è la forma più comune di demenza e 30 milioni di persone nel mondo ne sono affette. I livelli di colesterolo HDL (buono), trigliceridi e glucosio all’età di 35 anni sono un buon indicatore delle possibilità di sviluppare la malattia di Alzheimer in futuro.

Lo afferma uno studio condotto dai medici della Boston University. La ricerca ha constatato infatti che: aumentare il colesterolo HDL di 15 mg/dl, è associato a un rischio inferiore del 15,4% di contrarre  l’Alzheimer tra i 35 e i 51 anni e del 17,9% tra i 51 e i 60 anni. Mentre aumentare il glucosio di 15 mg/dl, aumenta il rischio di demenza del 14,5%.

Ti potrebbe interessare anche >>> Insonnia e morbo di alzheimer: la correlazione è dimostrata dagli studi

Controllare i livelli di colesterolo e glucosio incidono sull’Alzheimer

colesterolo buono
Controllare livelli di colesterolo (AdobeStock)

Gli stessi autori ammettono che non è la prima volta che questi fattori di rischio cardiovascolare sono stati correlati alla malattia di Alzheimer. I fattori di rischio cardiovascolare influenzano il metabolismo del cervello prima che i sintomi del processo neurodegenerativo appaiono. La novità del recente studio della Boston University è che è il primo rapporto di un’associazione tra Alzheimer e HDL, trigliceridi e livelli di glucosio misurati in individui cognitivamente normali durante la prima (35 a 50 anni) e media (51 a 60 anni) età adulta. Cioè, in persone giovani e sane, quando non sono nemmeno sospettate di sviluppare la demenza.

Ti potrebbe interessare anche >>> Rimedio naturale per abbassare il colesterolo: l’eccezionale mix di salute

Gli autori sostengono che un’attenta gestione di questi fattori dall’età di 35 anni può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e diabete, così come il morbo di Alzheimer. Come è noto, la malattia di Alzheimer è incurabile, quindi l’unica opzione è cercare di rallentarla, e agire sui fattori di rischio cardiovascolare, sembra essere un’ottima strategia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *