Perché mangiare davanti alla tv è sbagliato: la risposta degli esperti

Perché mangiare davanti alla tv è sbagliato: la risposta degli esperti. Ecco spiegato perché chi mangia davanti agli schermi ingrassa più facilmente

Cattive abitudini alimentark
Mangiare davanti allo schermo (Pixabay)

Tra le varie abitudini alimentari che dovremmo assolutamente dimenticare se ci teniamo ad avere una vita sana ce n’è uno in particolare. Vivere sano e vivere bene, infatti, non è solo una questione di quella che generalmente si può considerare come alimentazione e sport. In particolare l’alimentazione è una scienza di cristallo, che è molto di più del combinare assieme gli alimenti. Ci sono alcune cose che andrebbero tenute di conto: ad esempio, gli orari in cui si mangia. Questa è una scienza recente chiamata crono-nutrizione, e tiene insieme i pasti con gli orari migliori in cui consumarli.  In più, ci sono degli atteggiamenti che andrebbero evitati come la peste: saltare i pasti- la colazione in particolar modo, che è la più abusata- mangiare di fretta ed infine mangiare davanti alla tv. E se vi state chiedendo che male vi può fare cenare o pranzare, in compagnia della vostra serie preferita, rispondiamo subito.

Ti potrebbe interessare anche->Ora legale: come evitare stress e stanchezza dovute al cambio dell’ora

Perché mangiare davanti alla tv è sbagliato, rispondono gli esperti

Alimentazione giusta
Netflix e telecomando (Pixabay)

Perché gli esperti sconsigliano di mangiare davanti agli schermi? La risposta è subito data? Ed è molto più semplice di quel che si pensi: non siamo concentrati abbastanza.

Ti potrebbe interessare anche->L’ortaggio che non può mancare sulla tavola in primavera: vero toccasana

E perché, direte, per mangiare bisogna essere concentrati? Sì. E’ probabilmente la differenza principale che passa tra il mangiare e il nutrirsi, la consapevolezza che ci si mette. Bisogna portare la propria attenzione sul cibo che stiamo consumando. Questo non solo quindi ci porta a sentire meglio i sapori, a gustare meglio, ma anche a mangiare più lentamente. Mangiando più lentamente mangiamo meno cibo e il cervello segnala prima il raggiunto senso di sazietà.

Se invece non stiamo a pensarci, rischiamo di ingurgitare tutto prima ancora che il nostro cervello ci faccia fermare. Oltre alla quantità, c’è anche uno scarso controllo della qualità del cibo che mangiamo stando sul divano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd