Dieta pegana: il perfetto incontro tra dieta paleo e vegana

La dieta pegana è la combinazione perfetta tra due regimi alimentari: la dieta paleo e la dieta vegana. Ecco nello specifico in cosa consiste e cos’è.

come funziona dieta pegana
Piatto bilanciato (Unsplash)

La dieta pegana, ideata nel 2014 dal dottore Mark Hyman, medico e direttore del Cleveland Clinic Center for Functional Medicine, è l’incontro perfetto tra due regimi alimentari: la dieta paleo e quella vegana. Queste due ultimi sono una l’opposto dell’altra poiché la dieta paleo si basta sul consumo di carne, mentre quella vegana si basa principalmente su alimenti di origine vegetale.

Il termine pegano è esattamente l’unione dei termini paleo e vegano. Difatti questo piano alimentare si basa sull’assunzione di alimenti principalmente vegetali ma che comprende anche carne, uova e pesce. Quindi risulta il perfetto abbinamento per assumere tutti i nutrienti necessari per favorire l’organismo.

Ti potrebbe interessare anche >>> Dieta Paleo: tutto quello che c’è da sapere, ma è adatta?

Gli alimenti appartenenti al regime alimentare della dieta pegana

alimenti dieta pegana
Avocado (Unsplash)

Il dr. Hyman ha ideato un piano alimentare dove frutta e verdura rappresentano circa il 75% degli alimenti. Inoltre in questo regime, i grassi da preferire sono gli omega-3 i quali si trovano principalmente all’interno di noci, semi, olio d’oliva e avocado. Anche i grassi animali hanno una loro parte rilevante e pesce e carni sono ammessi se provenienti da allevamenti sostenibili. Per esempio, per il pesce, si prediligono pesci di piccola taglia (acciughe, aringhe, sardine e salmone) poiché meno inquinati dal mercurio e ricchi di omega-3. Per quanto riguarda i cereali, sono ammessi nella dieta pegana quelli integrali senza glutine come: quinoa, riso nero e grano saraceno.

Ti potrebbe interessare anche >>> Frutta e verdura del mese di aprile: cosa inserire nella dieta

Gli alimenti che non sono ammessi sono: i prodotti lattiero-caseari (formaggio, yogurt), fagioli amidacei, lo zucchero e i prodotti che contengono sostanze chimiche, additivi, conservanti, coloranti e dolcificanti artificiali. Formaggio e yogurt sono vietati poiché sono ritenuti fonte di intolleranza, tuttavia possono essere facilmente sostituibili con formaggi derivanti dal latte di capra. Alimenti che non sono vietati ma che vanno assunti con moderazione sono invece i legumi, specialmente le lenticchie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *