Effetto covid: siamo diventati meno materialisti?

La vita dopo il covid: siamo diventati meno materialisti? uno studio inglese di recente pubblicazione dice di si. Ma siamo proprio sicuri?

Effetto covid, siamo diventati meno materialisti? A dover guardare il lato positivo, un lato positivo si trova. E a mostrarcelo è uno studio inglese rilevante: siamo diventati nella vita meno attaccati al capitale e al materialismo. Ma sarà davvero così?

Ti potrebbe interessare anche->Sistemare i cosmetici rotti, ecco il nuovo trend di Tik Tok

La vita dopo il covid: siamo diventati meno materialisti?

vita dopo il covid
Ci era mancato molto il contatto umano (Pixabay)

Il covid ci ha cambiato la vita. E anche adesso che tutto sembra essere in generale diventato un brutto ricordo, la nostra vita difficilmente tornerà ad essere come prima. Le nostre abitudini non sono più le stesse, difficilmente torneranno ad essere come quelle che erano. Tra le cose che sembrano esser cambiate, risulta la nostra inclinazione al materialismo , cioè il nostro attaccamento ai beni materiali e al denaro. Il covid infatti o meglio la minaccia che ha portato alla nostra stabilità, ci ha mostrato quel che importa davvero. E il denaro e i beni materiali, in quella situazione, sembravano non essere più così importanti.

Ti potrebbe interessare anche->Pesce spada, attenzione a quando non è fresco: il pericolo

Lo studio inglese recentemente  ha mostrato proprio questo. Sul campo sono stati mostrati alcuni dei parametri fondamentali: lo stress, le emozioni negative, il denaro, l’attaccamento alla materialità. Il covid ha cambiato le carte in tavola. Infatti, uno dei pensieri ricorrenti nella nostra mentalità precedente al covid era quella del capitale: il nostro grado di soddisfazione si misurava nella quantità di denaro accumulato.  Il covid ci ha, per così dire, mostrato quello che veramente conta. Il denaro rischia di non poterci salvare, nelle situazioni più stringenti.

Questo è un precetto massimale, che in cuor nostro abbiamo sempre pensato di sapere. Il punto è che sapere una cosa non vuol dire percepirla. Per quanta tremenda sia stata l’esperienza del covid, cerchiamo di guardare il lato positivo. In questo caso, la cosa positiva è che la pandemia ci ha davvero ricordato cosa serve davvero. Non il denaro, in questo caso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *