Udito: come sapere se il proprio ambiente casalingo fa male alle orecchie

L’ambiente in cui si vive influisce molto sul benessere psichico di una persona, soprattutto se riguardano udito e rumori, che possono far diventare pazzi.

rumori ambientali
Ambiente casalingo minimal (Pixabay)

Forse è una cosa che non ci si fa tanto caso, ma l’ambiente che ci circonda ha una rilevanza importante nella nostra vita. Si pensi per esempio ad una coppia che si trasferisce in una vecchia fattoria dopo esseri vissuti in città per molto tempo. I rumori, l’illuminazione, tutto è diverso. Nel dettaglio ne ha parlato l’audiologa Erika Shakespeare, che quando si è trasferita con suo marito Brian in campagna, la loro relazione ne ha sofferto iniziando a litigare continuamente.

Fortunatamente, l’audiologa possiede Audiology & Hearing Aid Associates a La Grande, in Oregon, ed è stata in grado di diagnosticare il problema. La coppia non aveva bisogno di apparecchi acustici. Avevano invece bisogno di tende alle finestre. E foto su tela alle pareti. E tappeti sui pavimenti di legno duro perché facevano eco. Altri materiali che possono aiutare a contrastare i rumori della casa sono: tappeti, librerie, divani imbottiti, cuscini e rivestimenti. In pratica tutto ciò che assorbe il suono.

Ti potrebbe interessare anche >>> Perdita uditiva: i primi segnali di calo dell’udito e ipoacusia

Come migliorare l’udito cambiando l’ambiente che ci circonda

migliorare ambiente
Tappeto da interno (Unsplash)

Se si ha un udito nella norma, probabilmente si adatta abbastanza bene al riverbero dell’eco (a parte forse luoghi come ristoranti rumorosi), ma non è così se si ha una perdita uditiva. Uno dei motivi è che la perdita dell’udito influisce sulla velocità di elaborazione del suono che si sta sentendo. Ci vuole più tempo al cervello per elaborare come il suono si sta verificando nello spazio. Quindi, quando si ha anche il riverbero, dove il suono rimbalza, e si ha già questo ritardo nell’elaborazione temporale, si peggiora ulteriormente la situazione.

Naturalmente, gli echi non sono l’unica ragione per cui una casa può essere rumorosa. C’è un po’ di rumore di fondo dovuto ai sistemi di riscaldamento e raffreddamento, o alle persone piace avere la televisione accesa in sottofondo o una radio o qualcosa del genere mentre stanno conversando, e questo rende davvero difficile sentirsi e capirsi.

Ti potrebbe interessare anche >>> Il diabete può causare danni all’udito: le dichiarazioni degli esperti

Come ci si potrebbe aspettare, gli ingegneri acustici adottano un approccio scientifico per ottimizzare l’ambiente acustico di una casa. Eseguono misurazioni acustiche, analizzano i dati e poi danno consigli su quali materiali usare e dove. Il momento migliore per affrontare l’acustica della casa è sia durante una nuova costruzione o una ristrutturazione. I prodotti che i consulenti potrebbero raccomandare includono il sottofondo acustico per i pavimenti, i pannelli acustici per il soffitto, le pareti resilienti (dove il muro a secco non è rigidamente collegato alle borchie del muro) e le connessioni idrauliche flessibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *