Dattero: da pochi semi alla pianta di questo frutto esotico

Da pochi semi di un dattero si può far crescere una pianta di questo frutto esotico, vediamo come fare in pochi e semplici passaggi.

Dattero (Pixabay)

Avere delle piante in giardino e in casa in vaso è davvero molto bello. Ormai si sa molto bene che le piante ci aiutano a vivere meglio. Lo fanno sia a livello di salute perchè producono ossigeno e depurano l’aria che le circonda, sia a livello mentale. Avere una routine da rispettare, delle attività da pianificare, da svolgere, facendo anche un po’ di movimento è l’ideale.

Ma tra tutte le piante che possono esserci tra le più comuni da avere in casa, è sicuramente più d’effetto riuscire a coltivare anche qualche pianta esotica. Il fascino di questi tipo di piante è unico. Una di queste è la pianta del dattero, ovvero la palma. Se si raccolgono i semi del frutto e poi si aspetta la primavera, ecco che si può far crescere proprio la palma del dattero.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Datteri: benefici, controindicazioni, quantità giornaliera, ricette

Vediamo qui di seguito tutti i passaggi per poterlo fare nel modo giusto e provare ad avere in casa una piccola palma che può dare datteri. Una bella soddisfazione, non credete? Ecco tutti i dettagli.

Dattero: dai semi alla pianta, ecco come fare

datteri
Datteri (Pixabay)

Il dattero è un frutto che si consuma principalmente nella stagione fredda, ma non è in quei mesi che bisogna coltivarlo. Infatti, il momento giusto per piantarne i semi è proprio la primavera. Prendete dei datteri eliminate la polpa e prendete il seme che c’è all’interno di questo frutto. Il seme deve essere pulito altrimenti si formeranno muffe e batteri.

A questo punto prendete un pezzo di stoffa, appoggiate i semi che avete raccolto e posizionate il tutto sul fondo di un barattolo di vetro con chiusura ermetica. Avvolgete i semi nella stoffa e poi spruzzate un po’ di acqua. Chiudete il contenitore e aspettate. Dopo un mese inizierete a vedere le radici. Quando saranno ben formate non vi resta che trasferirle nel terreno.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Perdere peso: il sostituto di dolci e cioccolato, una vera sorpresa

Il terriccio adatto è composto da torba, argilla espansa e lapillo vulcanico. Il seme deve essere posizionato in orizzontale ma la punta della radice deve essere rivolta verso il basso. Dovete coprirlo con la terra, bagnarlo e poi mettere il vaso in un sacchetto di plastica chiuso. In tre mesi avrete una piccola palma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *