Tendinite di De Quervain: cause e caratteristiche di questa patologia

Vediamo quali sono le cause, le caratteristiche, ma anche i trattamenti nel caso della tendinite di De Quervain nei dettagli.

Tendinite (Pixabay)

La tendinite di De Quervain è un’infiammazione dei tendini che coinvolgono il pollice e la mano. Prende il nome da un chirurgo svizzero che l’ha descritta nel dettaglio. Nel pollice della mano ci sono due tendini oggetto di questa infiammazione e sono l’estensore brevis e l’abduttore lungo. Questi due tendini sono avvolti da una guaina sinoviale che secerne un liquido che permette lo scorrimento.

Quando si verifica un attrito tra i due tendini e la guina nel primo compartimento si genera un’infiammazione e di conseguenza un gonfiore. Ci sono diverse cause e fattori di rischio che possono portare a questa patologie. Naturalmente può essere trattata da uno specialista con una serie di indicazioni e con l’uso di un tutore apposito.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Dolori alle dita: quali sono le principali cause

Vediamo qui di seguito tutte queste informazioni nel dettaglio in modo da esserne consapevoli se si dovesse presentare questa patologia oppure per capirla meglio nel caso ne soffriate già.

Tendinite di De Quervain: tutto quello che c’è da sapere su questa patologia

diagnosi
Visita medica (Foto dal web)

I fattori fisiologici che possono portare a questa infiammazione sono:

  • Genere: le donne ne sono maggiormente colpite;
  • Età: l’incidenza maggiore si verifica tra i 40 e i 50 anni;
  • Squilibrio ormonale: le donne lo subiscono durante la gravidanza o durante la menopausa;
  • Altre patologie: alcuni problemi legati al metabolismo, reumatologici oppure di natura ormonale possono provocarla.

Detto questo, ci sono poi ovviamente delle cause esterne che determinano questo disturbo. Possono essere dei lavori manuali ripetitivi, ad esempio. Tra questi possiamo ritrovare il lavoro che fa il parrucchiere, l’uso del computer tante ore al giorno. Ma può verificarsi per una posizione scorretta durante uno sforzo, per un carico di lavoro eccessivo sul polso.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Dolore alle ginocchia: il limone può essere un prezioso alleato

Molto spesso questa patologia arriva alle neo mamme dopo che per un po’ hanno dovuto prendere in braccio il neonato da sotto le ascelle. Questo continuo movimento può provocare la tendinite di De Quervain e in quel caso viene anche chiamata “polso del bambino”.

La scelta del tutore

Quando la diagnosi è chiara e si tratta di questa patologia specifica, il medico sceglierà un tutore. Questo fa parte del trattamento ma non è uno e uguale per tutti. In base al tipo di tendinite si dovrà scegliere un tutore specifico. Questo aiuterà a fermare l’evoluzione della patologia e a ridurre il dolore. La scelta deve ricadere su due opzioni: tutori rigidi o morbidi.

Nel caso di bisogno di interruzione dei movimenti allora è necessario il tutore rigido in grado di allineare polso e pollice e mantenerli nella posizione corretta. Nel caso in cui si debbano solamente sostenere i movimenti, accompagnarli, allora si rende necessario un tutore morbido, anche se è meno prescritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *