Come capire il mestiere della tua vita? i consigli

Come capire il mestiere della tua vita? i consigli giusti per capire cosa vuoi essere e fare nel corso della tua vita: parti senza pregiudizi

Lavoro mestiere
Ingranaggi, simbolo del lavoro (Pixabay)

Mestiere della vita, un termine che un po’ spaventa. Ma come capire cosa ci piace davvero fare?

Ti potrebbe interessare anche->Quiche agli asparagi: la ricetta primaverile pronta in 15 minuti

Come capire qual è il mestiere della tua vita? è semplice

Come capire il tuo mestiere
Donna felice del suo lavoro (Pixabay)

Qualcuno diceva che scegliendo il mestiere che fa per te non lavorerai neppure un giorno della tua vita. Facile a dirlo: ma come capisco veramente cosa mi piace o cosa no? A questa scelta, fantomatica, che ci segnerà praticamente tutta la vita- e a giusto- siamo indirizzati fin da piccolissimi, la prima volta che mettiamo la testa dietro i banchi di scuola. Sarà tutta una corsa a capire le nostre attitudini ad immaginarci medici, avvocati o chissà cosa. E’ proprio in virtù di questa fatica così grande, di queste aspettative che iniziano a coltivarsi da lungi, che capire quale sia il nostro mestiere si fa realmente difficile. Diventa una questione sulla quale rimuginiamo lentamente. Ecco dunque qualche consiglio per affrontare la scelta a mente lucida.

Ti potrebbe interessare anche->La ricetta della squisita crostata di pasta frolla con cioccolato e ricotta

La prima cosa che dovresti ricordare è che dovresti seguire la tua inclinazione, come primo passo. Se ti piace l’area umanistica, per esempio, non forzarti in dei binari che non sono i tuoi. Cerca di essere focalizzato sulla persona che sei senza lasciarti distrarre, ma non perdere neppure il contatto con il mondo, con le esigenze di mercato. Si tratta di trovare il giusto compromesso. 

Non lasciare che le parole d’altri ti influenzino,e  ti convincano su questo e quell’altro. Sei tu che devi scegliere quello che vuoi fare, non altri. Fai esperienza in più campi: in linea teorica infatti potrebbe piacerci qualcosa che, nella pratica, finisce con il non piacerci neppure un po’.

Non essere rigido, c’è sempre spazio per cambiare idea, per reinventarsi, per sperimentare più d’una cosa. Inoltre, devi essere realistico: anche il mestiere più bello del mondo, che ti senti meglio addosso, potrebbe avere aspetti che non ti piacciono. Non essere assolutista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *