Le più comuni malattie delle margherite, occhio ai sintomi sui fiori

Simbolo delle belle giornate e del sole, le margherite sono fiori belli e che portano gioia, ma possono palesare determinati sintomi, segno di malattie: le più comuni?

malattie margherite parassiti
Campo di margherite (Pixabay)

Simbolo delle belle giornate e del sole, le margherite sono fiori belli e che portano gioia, ma possono palesare determinati sintomi, segno di malattie: le più comuni? Belle da ammirare per i campi, distese infinite di bianco e di giallo, oppure da regalare e tenere in casa, le margherite simboleggiano le nostre emozioni e ci trasmettono serenità e armonia.

Si tratta di piante di dimensioni ridotte appartenenti alla famiglia delle Astaracee, erbe che crescono in primavera e fioriscono fino al mese di settembre. Queste necessitano di irrigazioni costanti e di particolari attenzioni, specie durante i mesi caldi.  Crescono bene a temperatura fresca e mite, attorno ai 15°, ma si possono ammalare facilmente. Vediamo quali sono le malattie più frequenti.

Potrebbe interessarti anche → Foglie rosse nella pianta delle rose: perchè accade, le varie possibilità

I sintomi delle malattie delle margherite

rimedi malattie margherite
Margherite fiori (Pixabay)

Il fiore della margherita è emblematico dell’estate, petali bianchi, candidi, che circondano un disco dorato al centro. Sembra un piccolo sole incastonato tra la crema, e presenta un colore molto vivo grazie alle sacche di polline che attira gli insetti per l’impollinazione. Le margherite crescono in altezza da pochi centimetri fino ad arrivare a 70/80 centimetri, sono per lo più piante piccoline, dagli steli lineari, anche se possono trovarsi, in alcune occasioni, ramificati.

Crescono sui campi e sui prati ma si coltivano facilmente anche in vaso. Per farle crescere belle e vigorose occorre piantarle in vasi di terracotta, il terriccio deve essere ben drenato, quindi si consiglia di applicare l’argilla espanda sul fondo. I semi devono essere piantati tra febbraio e marzo e tenuti al fresco e in luoghi a mezz’ombra. Non appena si intravedono i germogli, li si sposta in ambienti soleggiati. Si annaffiano spesso, cercando comunque di evitare ristagni idrici.

Le malattie delle margherite generate dai parassiti

cura fiori margherite
Vaso con margherite (Pixabay)

Purtroppo, anche questi bei fiori sono soggetti a diversi tipi di malattie. Ad esempio, sono attaccate spesso da pidocchi, che fanno appassire i petali e li condannano a morte.  I pidocchi sono parassiti molto proliferi, si moltiplicano celermente, nutrendosi della pianta. Gli scarti dei pidocchi si depositano su fiore e foglie della pianta, avvelenandola. Così come i pidocchi, occorre fare attenzione agli acari.

Questi si depositano soprattutto sul disco dorato e attorno ai petali, lasciando macchiette gialle ovunque. Se le margherite cambiano colore e diventano gialle e marroni, significa che stanno morendo per colpa degli acari. Gli acari si riproducono fino a una decina di volte per fioritura, diventando tantissimi. Durante l’estate, anche i ragnetti rossi infestano le margherite. Questi escono allo scoperto alle alte temperature, magari in condizioni umidità, e, come ogni parassita, distruggono la pianta.

I segni del passaggio dei ragnetti rossi sono macchie piccoline e bianche, escrementi stessi degli animali. Inoltre, questi animaletti si raggruppano soprattutto nella zona centrale del fiore. Ma la margherita può essere attaccata anche da malattie fungine, che la condannano quasi sempre a morte certa. Come fare per prevenire attacchi indesiderati e per debellare i parassiti?

Potrebbe interessarti anche → Come riprodurre le ortensie, fiori all’infinito con un pomodoro e una bottiglia

Combattere parassiti e malattie è possibile, basta prendere le dovute accortezze. Un ottimo metodo, ad esempio, è quello di tagliare le parti colpite, evitando così che i parassiti possano trasferirsi in altre zone della pianta. Idratando la pianta, quindi vaporizzando spesso foglie e petali, l’acqua scoraggia  parassiti. Oppure, esponendo al sole le margherite, le quali possono assorbire tutte le energie della luce. Infine, utilizzando efficaci antiparassitari, meglio se naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *