Quanti problemi ci vogliono per rovinare una relazione? Lo studio

Una relazione comporta il dover affrontare diversi ostacoli, tuttavia ci sono svariate cose che possono far rovinare il rapporto. Lo studio.

problemi di coppia
Riflesso di coppia in una pozzanghera (Unsplash)

All’inizio di una relazione, tutti si comportano al meglio. Entrambi i partner enfatizzano le loro caratteristiche migliori, mentre nascondono attentamente i loro difetti. Questo metodo tuttavia non può durare per sempre. Alla fine, le imperfezioni emergono e si devono affrontate vari problemi ed è normale avere dei dubbi circa il rapporto.

È questo che rende gli appuntamenti così difficili. Anche se ci si fa subito un’idea delle caratteristiche fisiche di un partner, la sua personalità, le sue qualità, le sue manie e le sue caratteristiche si rivelano molto più gradualmente. Man mano che ci si conosce di più. Nessuno è perfetto, quindi i difetti sono inevitabili. Ma, quanto è troppo? Uno studio ha rivelato quando la quantità di problemi può rovinare una relazione.

Ti potrebbe interessare anche >>> La tua relazione è sana o ossessiva? Ecco come capirlo

Rovinare una relazione: quando è troppo, lo studio

aiutarsi a vicenda
Tendersi la mano (Unsplash)

Per rilevare quando i problemi diventano troppi in una relazione, i ricercatori hanno usato quello che hanno chiamato un design “Choose Your Own Adventure“. Attraverso due studi, circa 1.500 partecipanti si sono immersi in una storia in cui erano in una relazione che diventava sempre più seria. Mentre la relazione progrediva, i partecipanti hanno incontrato 17 punti di decisione.

In ognuno, i partecipanti hanno appreso alcune nuove informazioni sul loro partner. Poi, hanno scelto la loro avventura, decidendo se restare o andarsene. Questi non erano punti di decisione qualsiasi. Piuttosto, ogni potenziale scelta includeva un “dealbreaker“, che sono qualità che le persone non sono disposte a tollerare nei loro partner. I dealbreaker includono qualità come l’essere sporchi, appiccicosi, pigri, bisognosi e con un cattivo senso dell’umorismo. In altre parole, qualità che nessuno vorrebbe in un partner. I partecipanti si sono dimostrati più flessibili di quanto i ricercatori avrebbero immaginato.

I risultati

Anche se il primo motivo di rottura non ha automaticamente ucciso la relazione, le informazioni negative hanno avuto un effetto cumulativo. Man mano che i partecipanti ricevevano più informazioni negative, diventavano sempre più propensi a interrompere la relazione. In generale, il punto di svolta era tra tre e quattro informazioni negative. I partecipanti che sono entrati nello studio con una lista più lunga di fattori di rottura sono stati più veloci a terminare la relazione. I partecipanti hanno anche terminato la relazione quando sono venuti a conoscenza di un particolare motivo di rottura che era importante per loro (ad esempio, si preoccupavano molto dell’affiliazione politica e hanno imparato che il partner aveva opinioni opposte).

Le persone tipicamente pensano ai motivi di rottura come a delle informazioni che fanno terminare automaticamente una relazione. Ma i risultati hanno suggerito che molte questioni di coppia considerate motivo di rottura possono non far uscire subito le persone dalle relazioni.

Ti potrebbe interessare anche >>> Depressione e sedentarietà: ecco perché c’è una relazione

Nonostante l’apprendimento delle informazioni di rottura che dovrebbero escludere un potenziale partner di relazione, la gente ha continuato la relazione. In altre parole, non si scappa al primo segno di problemi. Questa può essere una buona cosa perché dà la possibilità di imparare di più e rivedere la propria impressione. La buona notizia è che la maggior parte delle persone alla fine ha raggiunto un punto di rottura in cui il numero di motivi si è accumulato fino ad un punto in cui era troppo da gestire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *