Caffeina presente nel tè: ecco da che cosa dipende

Oltre al caffè, la caffeina è contenuta anche in altre bevande come il tè, ma qui la sua presenza dipende da diversi fattori.

Tazza di tè (Pixabay)

La caffeina è una sostanza alcaloide stimolante che si trova in molte bevande. Sappiamo bene che una tazza di caffè, un bicchiere di coca cola, possono dare molta energia e far sentire la testa più libera e attiva, oltre a maggiore spinta nel corpo. Ma quanta caffeina è contenuta nelle diverse bevande?

Sappiamo che è l’ingrediente principale del caffè, ma forse in tanti dimenticano che è presente in altre bevande, soprattutto nel . Caffè e tè sono le bevande più consumate al mondo e si prendono in vari momenti nel corso della giornata. Farà bene, quindi, rendersi conto di quanta sostanza stimolante è presente in esse. C’è una piccola curiosità: nel tè la presenza di caffeina dipende da diversi fattori.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Caffè o tè verde: quale bevanda contiene più caffeina

Vediamo qui di seguito di scendere un po’ più nel dettaglio e capire da cosa dipende la presenza di questa sostanza in una tazza di tè e quanta può essercene. È importante per riuscire ad organizzarsi e magari prenderne di più al mattino ma non alla sera prima di andare a dormire.

Caffeina nel tè: ecco da che cosa dipende la sua presenza

tazza di tè
Tazza di tè (Pixabay)

Se iniziamo con il considerare che in una tazzina di caffè espresso la caffeina varia da 50 a 80 mg, sarà più facile fare poi in confronto con quella presente nel tè. La quantità cambia a seconda della qualità del tè che si sceglie di bere. Ad esempio, prendiamo come esempio una tazza da 240 ml:

  • Tè nero 35 mg
  • Matcha 57-133 mg
  • Tè bianco 34 mg
  • Tè verde 32 mg
  • Yerba mate 128 mg
  • Oolong (semi fermentato) 39 mg

Ma la qualità non è la sola cosa che influisce sulla presenza delle sostanze stimolanti. Infatti, dipende anche dal tempo di infusione. Più si lascia la bustina in infusione nell’acqua calda e più aumentano i livelli di caffeina. Il consiglio degli esperti è di non superare i 2 minuti se non la volete come ingrediente della bevanda o non ne avete bisogno.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Se non puoi bere caffeina, ecco un’alternativa poco conosciuta

La temperatura troppo alta dell’acqua ha una certa influenza sulla caffeina rilasciata, così come la durezza dell’acqua. Infine, bisogna considerare se si usa la bustina oppure se si usano le foglie. Nel primo caso verrà rilasciata più caffeina nella bevanda trattandosi di polvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *