Quanti passi fare per aiutare il cervello: lo dice la scienza

Vediamo che cosa dice la scienza su quanti passi è necessario fare per proteggere il cervello e prevenire alcune malattie.

passi
Camminare (Pixabay)

Il nostro cervello è un organo davvero molto particolare e complicato. La scienza non è ancora riuscita a risolvere alcuni misteri legati ad esso. Ma tutti si saranno accorti pian piano nel tempo con l’esperienza che ricopre una funzione ed è una risorsa fondamentale per ogni cosa.

Se la mente sta bene, se la mente funziona e agisce correttamente non c’è nulla che possa fermare una persona, anche se dovesse avere dei problemi di salute. Il cervello, però, così come tutti gli altri organi è soggetto all’invecchiamento e anche le sue cellule prima o poi subiranno un declino. Allora è fondamentale cercare di prestare più attenzione a questo aspetto e cercare di prevenire piuttosto che curare.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Un cervello sveglio e pimpante è solo questione di abitudine

La scienza dice che per proteggere il cervello, e per avere tanti altri benefici, è necessaria una semplice azione, ovvero camminare. Molti sottovalutano i benefici del camminare, ma vediamo qui di seguito maggiori dettagli sull’argomento.

Quanti passi fare per proteggere il cervello

meccanismo encefalo stabilizzare input
Cervello (Pixabay)

Camminare fa molto bene al metabolismo e questo è risaputo. Inoltre, riesce a migliorare la circolazione sanguigna, abbassa la pressione, abbassa il colesterolo cattivo. Tutti benefici di cui il nostro organismo ha bisogno, soprattutto se ci sono dei problemi in tal senso. Tuttavia, fare delle passeggiate può anche fare molto di più.

La Fondazione Veronesi ha fatto sapere che camminare, anche per mezz’ora al giorno, può dare un grande aiuto nella prevenzione della depressione e dell’ansia. Secondo gli esperti anche in così poco tempo vengono rilasciate endorfine per una maggiore sensazione di benessere. Inoltre, il tutto migliora gli apparati endocrini e immunitari. Non solo, ci viene indicato anche un numero esatto di passi: questi sarebbero 1.000 al giorno ogni giorno.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Depressione: le interazioni sociali aiutano a prevenirla, lo studio

All’inizio si può avere un’andatura lenta, assolutamente normale e magari poi velocizzare un po’ per attivare in modo migliore tutte le sostanze e tutti i meccanismi. Naturalmente una volta che ci si è abituati ai 1.000 passi al giorno, sarebbe utile aumentare un po’ quella cifra senza esagerare. Per stare in salute basta veramente poco. Rimane il fatto che il consiglio di un medico è fondamentale in questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *