Noci: aiutano a proteggere dall’Alzheimer, il nuovo studio

Un nuovo studio ha collegato i benefici delle noci al minor rischio di contrarre l’Alzheimer, ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla nuova ricerca.

noce cervello
Noce (Unsplash)

Le scelte alimentari possono influenzare quasi ogni parte della propria vita. Influiscono sul fabbisogno giornaliero di energia, sull’invecchiamento del corpo e su come la pelle appare, per esempio. Possono anche avere un impatto sulle funzioni cerebrali, sia a breve che a lungo termine.

Alcuni alimenti possono aiutare la mente a funzionare meglio, mentre altri ne danneggiano le capacità cognitive. Le scelte alimentari possono anche influenzare il rischio di Alzheimer. Una nuova ricerca suggerisce che un olio trovato nelle noci potrebbe aiutare a proteggere dalla malattia.

Ti potrebbe interessare anche >>> Mangiare noci abbassa la pressione del sangue, vero o falso? Il parere degli esperti

Le noci aiutano a proteggere dall’Alzheimer, lo studio

alzheimer prevenzione
Modellino del cervello (Unsplash)

Nello studio, pubblicato il 19 aprile sulla rivista Nutrients, i ricercatori hanno esaminato un modello cellulare di come l’olio estratto dalle noci influenzi la funzione dei mitocondri, la principale fonte di energia per le nostre cellule, e altri processi. Hanno scoperto che l’estratto ha diminuito la formazione di alcuni beta-amiloidi, che formano le placche sul cervello associate al morbo di Alzheimer, e che può aumentare la creazione di adenosina trifosfato (ATP), un composto che aiuta ad alimentare le cellule.

Come tale, i ricercatori hanno concluso che l’olio di noci può essere un “agente promettente” nel combattere la malattia, anche se ha bisogno di ulteriori ricerche. Le noci sono una componente importante della dieta mediterranea. Vari studi clinici hanno rivelato che il consumo di noci aumenta la funzione cognitiva negli anziani.

Hanno aggiunto che l’acido grasso omega-3 α-linolenico (ALA) nelle noci aiuta a formare due acidi grassi polinsaturi a catena lunga omega-3 che beneficiano delle funzioni cellulari, l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA), e che queste noci potrebbero avere effetti antiossidanti. Le noci sono state anche collegate a una serie di altri benefici, tra cui l’aiuto per il sonno, l’aumento della salute del cuore e la protezione dai danni al fegato.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cancro: uno studio lo collega ad un rischio ridotto di malattia di Alzheimer

Ci sono una serie di cambiamenti nello stile di vita che possono aiutare a ridurre il rischio della malattia. Per esempio, alcune ricerche trovano che attenersi alla dieta mediterranea potrebbe aiutare a proteggersi da essa. Inoltre, abitudini come l’esercizio fisico regolare, il mantenimento di una vita sociale attiva e le attività per mantenere il cervello sveglio potrebbero anche aiutare a ridurre il

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *