Calla: come curarla al meglio con queste semplici regole

Vediamo alcune semplici regole per avere una calla dalla fioritura meravigliosa, ecco tutti i passaggi da seguire per curarla al meglio.

calla fiore
Calla (Pexels)

La calla è una pianta che ha avuto origine nel sud dell’Africa e appartiene alla famiglia delle Aracee. È una pianta dall’aspetto molto particolare, formata da grandi foglie basali triangolari di colore verde chiaro. La varietà più diffusa è quella con i fiori bianchi, ma ce ne sono tantissime di colori diversi. La forma dei suoi fiori, a calice, è davvero molto elegante.

La calla, il cui nome deriva dal greco “kallos” e significa semplicemente “bello”, può essere piantata sia in giardino che in vaso. Così come per ogni pianta è necessario conoscere bene le sue caratteristiche in modo da curarla nel migliore dei modi dandole beneficio e non creando dei problemi. A questo proposito qui di seguito troverete alcune semplici regole.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Calle colorate: come curarle con i consigli degli esperti

Ci concentreremo su qualche trucco in modo da avere fioriture molto abbondanti in modo da beneficiare della bellezza che solo questa pianta può dare. Dunque, ecco i dettagli su come curarla al meglio.

Calla: come curarla al meglio, alcune regole

Calla
Calla (pixabay-annapictures)

Le regole da seguire per avere dei bellissimi fiori ed una bella pianta sono le seguenti:

  1. Non trattare la pianta in inverno: nella stagione fredda, quando la pianta è nel suo riposo vegetativo, fiori e foglie si seccano. Tuttavia, non vanno tolte. Le foglie secche si staccheranno e andranno a depositarsi sulla base proteggendo il terreno e mantenendo qualche grado in più;
  2. Non usare un fondo drenante: per questa pianta i sassi per far scorrere via l’acqua non vanno bene, deve esserci solo terra. Dovete sapere che questa pianta ama anche i ristagni di acqua. Umidità e calore sono per lei veri toccasana. Anche in vaso evitate di usare l’argilla o la perlite;
  3. Non mettere a dimora in un terreno in discesa: questo aspetto è importante per darle modo di trattenere l’acqua e di non vederla scivolare via;
  4. Tanta acqua e tanto sole: questa pianta ha bisogno di tante ore alla luce diretta del sole e nelle giornate più calde avrà bisogno di essere innaffiata anche due volte al giorno.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Calla selvatica: tutto quello che c’è da sapere per coltivarla

Se seguirete queste poche e semplici regole, seguendo le sue caratteristiche dettate dalle origini della calla, avrete una pianta che risplenderà e che potrà darvi davvero una fioritura molto abbondante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *