Caffè freddo: buono, ma c’è da fare attenzione

Caffè freddo, buono ma c’è da fare attenzione: ecco le contro-indicazioni a cui vai incontro se consumi caffè freddo

Caffè freddo pericolo
Caffè freddo (Pixabay)

Il caffè è un piacere per il palato: su questo buona parte dei lettori sarà già d’accordo. Che tu voglia prendere amarissimo o con molti cucchiaini di zucchero, il caffè è per l’italia un vero e proprio rito. Impossibile dirgli di no.

Con l’arrivo dell’estate, però, molti non avranno più voglia di consumare bevande calde, e invece vorranno trovare refrigerio anche nelle cose da bere. Niente di sbagliato, ovviamente, ma che fine fa, in questo panorama, il nostro amato caffè? 

Smettere di berlo è probabilmente l’ultima delle ipotesi e non la prendiamo neanche in considerazione. Per fortuna però la tradizione ci ha tramandato una metodica davvero efficace che ha reso il caffè una bevanda che sia persino estiva. E’ il cosiddetto caffè freddo. 

Ti potrebbe interessare anche->Ansia, una patologia visibile anche nell’andatura

Caffè freddo: bisogna fare un po’ di attenzione a queste cose

Caffè luogo di lavoro
Caffè sul luogo di lavoro (Pixabay)

Caffè freddo dunque: prepararlo è semplicissimo. Ti basta preparare la moka come tuo solito, mettere poi il caffè- dopo averlo fatto raffreddare un po’, e averlo fatto diventare almeno tiepido- in una bottiglietta da riporre in frigo. A quel punto, quando lo vorrai consumare, ti basterà versarlo: alcuni aggiungono persino il ghiaccio, ma è qualcosa di totalmente opzionale a cui non sei obbligato. Puoi provarlo anche con la panna, per una versione molto più dolce del nostro amato caffè freddo.

Ti potrebbe interessare anche->Gli alimenti che indeboliscono la memoria sono questi

Tuttavia c’è qualcosa che dovresti sapere: il caffè freddo infatti può avere delle contro-indicazioni. Non solo quelle tipiche del caffè, che la temperatura più bassa certo non annulla, ma anche altre contro-indicazioni specifiche. Vediamo quali sono, così da poterle evitare:

La bassa temperatura, con la sostanza eccitante, rischia di irritare lo stomaco. Questo può portare mal di pancia anche considerevoli e, nei casi più gravi, anche gastriti. Inoltre, essendo, una bevanda fresca c’è la tendenza a consumarne di più dimenticandoci che…è pur sempre caffè! Il limite quindi dovrebbe rimanere quello usuale delle cinque tazzine al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *