Glicemia alta a 40 anni: come comportarsi con la pizza

Se avete 40 anni o più e soffrite di glicemia alta è meglio che sappiate come comportarvi nei confronti della pizza.

pizza glicemia
Pizza (Pixabay)

La glicemia è la concentrazione di glucosio nel sangue. Il glucosio, ovvero lo zucchero, lo assumiamo prevalentemente da quello che decidiamo di mangiare. Naturalmente, ci sono alimenti che ne contengono di più e alimenti che ne contengono di meno.

Ad esempio, la verdura non contiene molto glucosio, alcuni tipi di frutta sì, altri no, i cibi lavorati e trasformati anche troppo. Se si ha un problema con la produzione di insulina, l’ormone che si occupa dell’assorbimento dello zucchero nell’organismo, è chiaro che avremo troppo zucchero e che questo provocherà dei problemi di salute. Quindi, attenzione a cosa mangiate con problemi di glicemia alta e, soprattutto, più avanzate con l’età.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Cosa mangiare per far scendere la glicemia? Prova questo preparato top

Ad esempio, se avete 40 anni o più, problemi con la glicemia, come dovete comportarvi nei confronti della pizza? La pizza è uno dei cibi più amati e moltissime persone non riescono proprio a farne a meno. Vediamo che cosa dicono gli esperti.

Glicemia alta a 40 anni: si può mangiare la pizza?

piatto tradizione longevità
Pizza (Pixabay)

Sappiamo perfettamente che la pizza non è un alimento leggero. Inoltre, la possibilità di condirla come si vuole la rende un alimento ancora più pericoloso con il rischio di diventare davvero molto grasso. Una pizza margherita ha un indice glicemico di 60, quindi abbastanza alto. L’indice glicemico è la misura della qualità dei carboidrati presenti.

Tuttavia, è necessario valutare anche il carico glicemico. Questo è riferito alla quantità quindi tiene conto sia dell’indice glicemico che del contenuto di zuccheri o carboidrati consumati a porzione. Se consideriamo una pizza margherita, naturalmente per chi ha la glicemia alta rappresenta un pericolo, ma non è detto che la persona debba eliminarla completamente.

Affidandosi ad un nutrizionista può cercare di capire quale impasto è meglio usare per abbassare l’indice glicemico, può decidere di mangiare delle verdure prima di mangiare la pizza in modo da limitare i danni nell’organismo, oppure tra gli ingredienti della pizza aggiungere qualche verdura.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Pizza e birra con glicemia e colesterolo alti: si può?

Inoltre, dopo averla mangiata è necessario camminare per cercare di aiutare il metabolismo a funzionare correttamente. Naturalmente, la pizza deve essere limitata, molto ridotta nelle quantità, ma affidatevi sempre alle informazioni che può fornirvi un nutrizionista in base alla vostra situazione di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *