La principale causa di intossicazione alimentare: contaminazione crociata

È la principale causa di intossicazione alimentare, la cosiddetta contaminazione crociata, in cosa consiste e come comportarsi per evitarla?

contaminazione crociata cibi
Carne in padella (Pixabay)

È la principale causa di intossicazione alimentare, la cosiddetta contaminazione crociata, in cosa consiste e come comportarsi per evitarla? Occorre fare attenzione non soltanto quando si cucina in casa, ma anche quando si mangia fuori, nei ristoranti. Devono soprattutto fare attenzione le persone che soffrono di allergie alimentari o di celiachia. I microorganismi possono essere trasportati facilmente da un alimento all’altro, contaminandosi.

In particolare, la trasmissione avviene tra cibi crudi, ma in alcuni casi anche tra quelli cotti. La contaminazione crociata avviene per molteplici situazioni, posate contaminate, superfici di lavoro non pulite correttamente, cibi diversi messi l’uno accanto all’altro. Esistono due tipi di contaminazione crociata: diretta e indiretta. Che cosa si intende con questi termini?

Potrebbe interessarti anche → Trombosi: attenzione alla grande incidenza nelle donne giovani

Contaminazione crociata diretta e indiretta, a cosa fare attenzione

contaminazione alimenti salute
Sushi pesce fresco (Pixabay)

Per contaminazione diretta si intende quando un alimento crudo entra in contatto con un alimento cotto, come può essere la mescolanza di piatti crudi e cotti nello stesso piatto. Per contaminazione indiretta, invece, si intende una contaminazione attraverso posate, utensili oppure mani sporche.

Soprattutto chi soffre di celiachia deve fare particolare attenzione alle contaminazioni da cibo. C’è un forte rischio per la salute, perché alcuni cibi potrebbero essere stati inavvertitamente contaminati. Dipende tutto dall’attenzione del cuoco e delle accortezze prese in cucina.

Se in casa possiamo avere la situazione sotto controllo, al ristorante non abbiamo certezze. In questo caso, tutto è nelle mani del cuoco, il quale deve fare attenzione a glutine e allergeni vari. In casa, avendo la situazione sotto controllo, sarebbe opportuno seguire alcune linee guida.

Ad esempio, in frigorifero, occorre inserire alimenti cotti nei piani alti, quelli crudi sulle mensole inferiori. Dopo aver toccato un cibo, meglio lavarsi le mani prima di procedere con un altro tipo di cibo. O ancora, non bisogna mai usare lo stesso tagliere per cibi cotti e per cibi crudi, e nemmeno lo stesso coltello, se non dopo averlo lavato con cura.

Potrebbe interessarti anche → Contaminazione crociata: attenzione a utilizzare mestolo e coltello

Un consiglio prezioso: per chi fosse celiaco, questi dovrebbe conservare tutti i cibi privi di glutine in ripiani appositi, evitando di mescolarli con quelli contenente glutine. Inoltre, gli alimenti privi di glutine è meglio metterli ai ripiani superiori della credenza. Se si mettono quelli contenenti glutine, questi possono essere inavvertitamente ribaltati e cadere in basso, contaminando gli altri cibi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.