Cortisone ed esposizione al sole: è da evitare?

Cortisone ed esposizione al sole: è da evitare? Ecco tutto quel che c’è da sapere su questo curioso connubio

Cortisone precauzioni da prendere
Pillole di cortisone (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

In Estate, è particolarmente frequente trovarsi in situazioni che ci espongono al sole.  Non dobbiamo subito allarmarci. Con le giuste precauzioni, il sole ci fa anche bene. Non dimentichiamoci che infatti l’esposzione al sole ci può aiutare per la sintesi di alcune vitamine, come la Vitamina D. Questa particolare vitamina, per esempio, ci aiuta a rafforzare le ossa, aiuta le difese immunitarie e addirittura ci farebbe essere più allegri. Ma ovviamente, come in ogni cosa, il giusto sta nel mezzo.

Esporsi troppo al sole infatti può essere molto deleterio. Ecco perché non dobbiamo mai farlo in modo sconsiderato e dovremmo prima informarci bene su cosa ci faccia male e cosa no. Durante l’esposizione al sole, per esempio, dovremmo frequentemente idratarci ed idratare la nostra pelle in modo adeguato. L’esposizione inoltre non dovrebbe mai durare oltre la mezz’ora, se non vogliamo farla diventare altamente nociva.

Cortisone ed esposizione al sole, ecco perché può farci molto male

Prendersi il sole non farlo
Prendere il sole (Pixabay)

Se dunque l’esposizione al sole non è un caso così raro in Estate, ma in generale anche durante le altre stagioni, non è strano neppure che una persona si trovi ad assumere cortisone. Il cortisone è infatti presente in un gran numero di farmaci. Eppure il connubio, non è dei migliori. Anzi, sarebbe da evitare in modo particolarmente specifico, perché può farci anche molto male.

Il cortisone infatti è una sostanza che reagisce in maniera molto forte ai raggi ultravioletti. Il risultato? Potremmo riportare sintomi molto simili a quella di una qualsiasi scottatura da sole: bruciore, eritema, prurito. Ancor peggio è una seconda classe di reazioni, chiamate reazioni foto-tossiche.

Le reazioni foto-tossiche sono di entità molto più potente, anche se, in percentuale, più rare. Il cortisone in questo caso si lega ai raggi ultravioletti, provocando danni più o meno estesi a tutti i tessuti circostanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd