Perché gli uomini mangiano più delle donne? La spiegazione inattesa

C’è una osservazione scientifica che ha coinvolto migliaia di persone: perché gli uomini mangiano più delle donne? La risposta sorprende.

Un uomo mentre mangia dei popcorn
Un uomo mentre mangia dei popcorn (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Perché gli uomini mangiano più delle donne? Per una differenza strutturale del fisico, verrebbe da dare come prima risposta. Ma in realtà ci sarebbero anche diversi altri motivi, come scoperto da alcuni ricercatori statunitensi che hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista specializzata di settore Nature Metabolism.

E qui viene fornita una ulteriore spiegazione al quesito “perché gli uomini mangiano più delle donne”? Questo studio infatti fa un riferimento diretto all’esposizione diretta alla luce del Sole. Cosa che sarebbe tra le principali cause dell’amento dell’appetito.

Cosa c’entra il Sole con il perché gli uomini mangiano più delle donne? Lo studio in questione ha analizzato ben seimila persone, equamente suddivise tra uomini e donne. E ha analizzato gli effetti che i raggi ultravioletti UVB riescono ad avere nelle produzione della grelina. Quest’ultima non è altro che l’ormone che genera l’aumento del senso di fame nei maschi.

Perché gli uomini mangiano più delle donne? Le differenze ed il motivo che spiazza

Un pranzo in corso
Un pranzo in corso (Pixabay)

Lo studio ha evidenziato proprio questo: la sensazione di appetito è risultata essere maggiore negli uomini che avevano trascorso una giornata intera al mare. Più nel dettaglio si è scoperto che viene coinvolta la proteina P53, che ha la funzione di proteggere il DNA dalle radiazioni solari. Da qui si attiva la grelina, che nelle donne avrebbe un effetto minore per via degli estrogeni.

Come ulteriore spiegazione poi ci sarebbe il fatto che la stimolazione dell’appetito avverrebbe a margine “della stagione dell’accoppiamento”, come avviene per molte altre specie di animali. Questo studio mette in risalto quelle che sono le differenze sostanziali che diversificano i maschi e le femmine della nostra specie.

I ricercatori coinvolti però hanno intenzione di sottoporre ad osservazione diretta un maggior numero di partecipanti, pari ad almeno il doppio. E questo allo scopro di avere ulteriori conferme e magari anche delle smentite su quanto emerso in questa prima rilevazione, per conferire una maggiore precisione a quanto registrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.