Spugne vecchie, se le hai non buttarle: come riciclarle al top

Ci sono alcuni metodi per destinare ad un nuovo utilizzo le spugne vecchie. Si tratta di metodi intelligenti per portare a compimento senza spese altre utili azioni in casa.

Alcune spugnette raggruppate insieme
Alcune spugnette raggruppate insieme (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Le spugne vecchie, contrariamente a quanto potremmo sembrare, possono invece continuare ad assolvere altri scopi anche a seguito di un loro utilizzo intensivo. E risulteranno in tutto e per tutto degli accessori per la nostra casa da impiegare alla stregua di nuovi oggetti.

Quindi ne ne abbiamo alcune in bagno oppure in cucina pensiamoci su due volte prima di buttarle nella spazzatura. Le spugne vecchie sapranno ancora trarci d’impaccio e risolvere dei problemi che altrimenti comporterebbero una spesa ulteriore. Spesa che però, grazie proprio alle spugne vecchie, possiamo evitare.

Come prima cosa da fare, dovremo disinfettarle. Immergerle in una soluzione composta da acqua ed aceto può essere una buona idea. Così come fare in modo di fare assorbire loro della candeggina, per poi strizzare il tutto dopo qualche minuto. Poi potremo impiegare le spugne vecchie per uno scopo ben preciso.

Spugne vecchie, come possiamo riciclarle: due metodi eccellenti

Una persona tiene tra le mani una spugnetta
Una persona tiene tra le mani una spugnetta (Pixabay)

L’ambito di utilizzo sarà il giardinaggio. Ed a trarne giovamento saranno le nostre piante in vaso. Dovremo tagliare dei pezzetti dalle nostre spugne, dalla grandezza di un centimetro circa. Ed ognuno di essi andrà posto in del terriccio da impiegare poi per la realizzazione di talee con tutte le varietà di piante che intendiamo moltiplicare.

La proporzione giusta dovrebbe essere di 50% di spugna così tagliata e di 50% di terreno. Queste sono misure in riferimento alla grandezza del vaso. Poi dovremo mettere in atto la classica procedura richiesta per la realizzazione di una talea.

O ancora, c’è un altro metodo di impiego delle spugne. In quest’altra situazione possiamo inserire dei semi di un frutto che intendiamo fare crescere in vaso oppure nell’orto. Basta tagliare una metà od anche un terzo della spugna ed inserire una manciata di semi – cinque o sei – al suo interno. Adagiamo tutto in un contenitore riempito di acqua per fare in modo che dai semi si sviluppi preliminarmente qualche radice.

Fatto ciò, inseriamo tutto in un vaso oppure nel terreno. I semi vanno posti con la radice situata verso l’alto, all’interno di un foro di 10 centimetri di diametro. Ci vorranno un paio di mesi per assistere alla crescita della nostra piantina per i primi 5 centimetri.

Impostazioni privacy