Gioielli, come stabilirne il valore: quanto vale un prezioso ereditato

Abbiamo in casa dei gioielli ereditati da nonni e bisnonni? Se non sappiamo di che marca sono e se mancano altre indicazioni, ecco come riconoscere quanto valgono.

Diversi preziosi di vario tipo
Diversi preziosi di vario tipo (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Riduzione dell’energia elettrica, per il Codacons non basta: “Un guaio”
Taglio delle accise, resta fino a metà ottobre ma è grossa polemica
Bonus 200 euro, grosso problema per chi ha partita Iva
Aumento dei prezzi: colpita la produzione di olio d’oliva

I gioielli sono i migliori amici delle donne. Inutile negarlo, è così, e questo è anche il claim di diversi annunci pubblicitari sia di ieri che di oggi. Qualsiasi donna ama ricevere dei gioielli in regalo, sia che ci si trovi a vivere un evento importante come un compleanno od un anniversario che in giorni perfettamente normali ed anonimi.

Non c’è niente di meglio di anelli, collane, bracciali, orecchini o quant’altro per far sorridere una donna. Questi monili hanno assunto da sempre una importante valenza simbolica. Nell’antichità gli esemplari di forgiatura da indossare rappresentava una sorta di status symbol.

E questa cosa si è conservata pure ai giorni d’oggi. Sono in pochi a potersi permettere un monile dai tanti carati. Ci sono diversi aspetti che vanno presi in considerazione per stabilire se dei gioielli siano o meno pregiati e preziosi. Tra questi ovviamente spicca il materiale costitutivo. Oro, platino, diamanti, anche cristallo o giada…

Gioielli, quali sono i più preziosi: che fortuna se li hai

Un pendaglio prezioso
Un pendaglio prezioso (Pixabay)

E poi ci sono altri parametri. Per esempio il livello di lavorazione artigianale. Non tutti gli esperti riescono ad esprimere lo stesso livello di manifattura. Ce ne sono alcuni ben più abili e capaci di compiere interventi ai limiti del folle. Come neppure con i moderni macchinari industriali si riuscirebbe a fare.

Ci sono dei preziosi che sono fatti ex novo ed altri ricavati dalla fusione di altri oggetti in oro, se sono costituiti di oro puro oppure rigenerato, e se fanno parte di collezioni. In quest’ultimi casi, e se il materiale costituente è puro, saremo in possesso di un anello, un bracciale od altro dal valore di centinaia di euro.

Se non sono presenti marchi ed indicazioni varie, la stima avviene in base al valore attuale del materiale costituente. Difatti il valore dell’oro, dell’argento o di altro sono soggetti a dei cambiamenti frequenti in base alla situazione economica e geopolitica del momento. Invece per gli oggetti d’epoca solitamente la valutazione di base è alquanto alta. La base per dei monili della prima metà del Novecento è di solito di 300 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.