Lavare il copriletto in lavatrice, come fare per non rovinarlo

Il rischio di arrecare dei danni al nostro piumone c’è, per cui è necessario seguire delle regole per lavare il copriletto in lavatrice.

Del detersivo versato nella vaschetta della lavatrice
Del detersivo versato nella vaschetta della lavatrice (Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Lavare il copriletto in lavatrice, come si può procedere? Siccome questa coperta è alquanto ingombrante quando si tratta di doverlo inserire nel cestello, è necessario accertarsi che il nostro elettrodomestico abbia uno spazio sufficiente per potere accogliere il piumino senza problemi.

In questo senso, per lavare il copriletto in lavatrice ce ne servirà una da capacità di carico di 9 kg come minimo, e da una capienza dai 5 kg a salire. Se la nostra lavatrice sarà dotata di queste caratteristiche, allora potremo procedere. Così facendo risparmieremo i soldi della lavanderia, che non poche volte potrebbe risultare un po’ troppo alto.

Se però non potremo lavare il copriletto in lavatrice per via di dimensioni non sufficienti, allora proprio la lavanderia sarà la nostra valida soluzione. Qualora potremo procedere a casa invece ci sono dei passaggi specifici che siamo tenuti ad osservare per potere ultimare al meglio l’operazione.

Lavare il copriletto in lavatrice, come fare: le precauzioni da prendere

Del detersivo versato nella vaschetta della lavatrice
Del detersivo versato nella vaschetta della lavatrice (Freepik)

Dovremo tenere in considerazione il tipo di tessuto da lavare. Quindi andrà selezionato il programma per i capi super delicati, che è perfetto pure per i copriletto realizzati in piuma d’oca. Naturalmente poi, non dovremo mettere nient’altro in lavatrice. Andrà lavato il solo copriletto, per evitare una contaminazione di colori e per garantire alla nostra coperta il massimo spazio possibile.

Prima di attuare un lavaggio in lavatrice sarà bene anche consultare l’etichetta e le informazioni che essa reca impresse. Possono esserci delle indicazioni decisive, come quella che consiglia solo un lavaggio a secco, indicato da un cerchio vuoto, e che solo la lavanderia potrà mettere in atto.

Come detersivo ce ne servirà uno normale. In aggiunta possiamo servirci di un paio di gocce di aceto bianco da versare nella vaschetta prima di avviare il lavaggio, per disinfettare e conferire una maggiore lucentezza al tessuto. Una volta finito il lavaggio stesso poi facciamo partire una centrifuga per far defluire l’acqua in eccesso.

La temperatura deve essere a 30° per non rovinare tutto quanto, e per la prima volta si consiglia di procedere comunque a mano. Una volta giunti al termine poi estraiamo subito il piumone dal cestello, per impedire il sorgere di umidità. Quindi mettiamo ad asciugare, con le dovute cautele nel caso della asciugatrice, oppure all’aria aperta ma non direttamente alla luce del Sole, per tutelare colori e delicatezza del nostro copriletto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.