La quantità giusta di acqua per far crescere veloce il rosmarino

Per avere la crescita veloce della nostra piantina di rosmarino, bisogna annaffiarla con la giusta quantità di acqua. Come procedere?

rosmarino crescita veloce
Piantina di rosmarino (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Si tratta della pianta aromatica più sfruttata in cucina, insieme a quella del basilico. Il rosmarino è apprezzato da secoli proprio per via del suo profumo intenso e per il suo sapore unico, capace di insaporire qualsiasi pietanza desideriamo preparare. Tra l’altro, non sono un mistero i benefici del rosmarino sul nostro organismo.

Il rosmarino è una pianta molto resistente e facile da coltivare, che non necessita di troppe accortezze. Tuttavia, è davvero sensibile alle annaffiature. Queste devono essere regolari ed equilibrate, altrimenti si rischia di far seccare la pianta o di far marcire le radici. La quantità di acqua deve essere ben misurata per accelerarne la crescita, inoltre, bisogna tener presenti alcune cose.

Accelerare la crescita del rosmarino, il metodo corretto per annaffiare

coltivazione rosmarino
Erba aromatica, rosmarino (Pixabay)

Per quanto riguarda la coltivazione in vaso, il rosmarino cresce in modo più lento rispetto all’ambiente naturale. La conformazione delle radici fa sì che queste siano più adatte a una natura selvatica, rispetto a un davanzale della cucina. Per forza di cose, queste non posso crescere liberamente, restano più piccole, e quindi non possono trattenere elevate quantità di acqua.

Partendo da questa considerazione, quando pratichiamo le irrigazioni della pianta, non dobbiamo mai esagerare. Tuttavia, le irrigazioni non devono essere nemmeno troppo poche. Bisogna annaffiare con una certa frequenza, assicurandoci che il terriccio non sia mai totalmente asciutto.

Inoltre, proprio per lasciare più aria alle radici e non rischiare ristagni idrici, è sempre bene mettere la piantina in un vaso con il fondo forato, in modo che l’acqua possa defluire tranquillamente. In primavera e in estate, occorre annaffiare almeno una volta ogni due giorni, lasciando il terriccio costantemente umido, ma non zuppo.

Le foglie, invece, non devono mai essere bagnate. Soltanto il terreno. Infine, per una crescita corretta, meglio tenere il rosmarino al riparo da correnti d’aria fredda e da gelate notturne, che in finestra sono molto frequenti, specie durante i mesi freddi. Con queste piccole accortezze, il rosmarino crescerà forte. La quantità di acqua è davvero essenziale per irrobustire le radici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd