Cosa consuma di più, tra forno e friggitrice ad aria: stai attento

La comparazione tra i due tipi di elettrodomestici da cucina compiuta per dare una risposta: cosa consuma di più tra i due.

Una donna utilizza un forno
Una donna utilizza un forno (Foto Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Cosa consuma di più, tra gli elettrodomestici di casa? Se consideriamo l’intero ambito domestico ci vengono in mente diversi elettrodomestici per i quali è altamente consigliabile andarci piano con l’utilizzo. Infatti l’erogazione di corrente elettrica richiesta rischia di aumentare l’importo nella bolletta della luce, in caso di utilizzo indiscriminato.

Ci vengono in mente i “grandi classici” sul cosa consuma di più, ovvero la lavastoviglie, l’asciugatrice, la lavatrice, il condizionatore…per i quali andrebbero tenuti in funzione uno alla volta e mai due contemporaneamente. Il rischio è quello di sovraccaricare il contatore, sforzato in modo eccessivo.

A noi interessa in particolare l’ambito della cucina, e qui vedremo nel dettaglio cosa consuma di più fra due elettrodomestici ben specifici tra uno tradizionale e presente nelle case di tutti ed un altro che sta trovando invece una sempre più ampia diffusione nel corso degli ultimi anni.

Cosa consuma di più, tra forno e friggitrice ad aria?

Una friggitrice ad aria
Una friggitrice ad aria (Foto Freepik)

La comparazione riguarda il forno e la friggitrice ad aria. Quale conviene di più in termini di dispendio energetico? Il risultato finale sarà diverso. Un forno cuoce ed una friggitrice ad aria dà un effetto frittura, sottoponendo gli alimenti ad un getto di aria molto calda tale da riuscire a simulare l’effetto croccante.

Alcuni esperti inglesi hanno compiuto una comparazione tra i due, per stimare quelli che sono i rispettivi consumi di energia elettrica. In entrambi i casi è stato preparato un pollo al cartoccio, che può essere cucinato per l’appunto sia con il forno che con la friggitrice ad aria.

Il dispendio energetico medio di un forno è di circa 1-1,5 kW/h per un dispendio di 0,42 centesimi di euro all’ora. Un consumo massimo di 1,5 kW/h comporterebbe un dispendio di 70 centesimi di euro. Ma con le bollette di luce e gas in aumento il dispendio salirebbe a 1,68 euro all’ora per l’ultimo trimestre del 2022. E se il forno viene messo in modalità grill, crisp od altro, i costi possono pure aumentare. Si risparmia circa il 30% invece in modalità ventilata.

I risultati dipendono da un fattore in particolare

Per quanto riguarda la friggitrice ad aria, il consumo medio è di 1,5 kW/h a 0,70 centesimi all’ora. Stima da ritoccare anche in questo caso verso l’alto. Però i tempi di cottura sono inferiori rispetto al forno, anche se c’è uno spazio maggiore in quest’ultimo per potere cuocere più porzioni alla volta.

La scelta quindi dipende anzitutto dalla circostanza. Il forno va preriscaldato e poi necessita di almeno una mezzora di cottura. La friggitrice lavora in un solo quarto d’ora ed alla fine consuma meno del forno stesso proprio in virtù dei minori tempi di messa in funzione. Per cui le mancanze e gli eccessi dell’uno e dell’altra si soppesano in qualche modo e, come detto, conviene impiegare o il forno o la friggitrice all’aria a seconda delle proprie esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.