Metti una di queste piante in camera da letto e dormirai sonni tranquilli: un relax mai provato prima

Piane in camera da letto per combattere l’insonnia: sono una garanzia. Sceglie quella che fa di più al caso tuo

Insonnia rimedi piante
Insonnia (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI SONO:

L’insonnia affligge sempre più persone, un tormento non facile da superare e che se continuativo rende le giornate davvero difficili da affrontare e gestire. Nervosismo, stanchezza, tensione fanno vivere chi ne soffre in modo non adeguato con difficoltà sul lavoro e nella vita sociale.

Circa il 30% della popolazione mondiale ne soffre e cerca un rimedio che sia efficace. Dalle tisane agli integratori, fino ad alcuni farmaci, si prova di tutto. Ma sai che ci sono alcune piante che possono risolvere il problema? Ti basterà posizionare in camera da letto alcune di queste e presto riuscirai ad arrivare tra le braccia di Morfeo. Sono una garanzia. Ecco la lista completa.

Piante in camera da letto per dormire: la lista

Pianta lavanda insonnia
Pianta di lavanda (Canva)

La lavanda è una delle piante che non possono mai mancare in camera da letto se si hanno problemi di insonnia. Si tratta di un rimedio naturale contro la perdita di sonno usato ampiamente. Anche alcuni studi clinici ne hanno dimostrato l’efficacia per i disturbi lievi, soprattutto per le donne ed i giovani.

Si affianca l’iperico, pianta spontanea tipica delle zone erbose, sia montane che marine. Conosciuto per la sua azione anti-depressiva ma molto utile anche contro i problemi legati al sonno. Immancabile c’è la valeriana, usata ampiamente nelle tisane e negli integratori proprio per il suo potere calmante e distensivo. Ecco perché metterla direttamente in camera da letto aiuta a rilassarsi. La stessa cosa vale per la melissa, tanto che spesso vengono usate anche in combinazione.

Come non nominare quindi la camomilla che è in assoluto la pianta usata da tutti per dormire sottoforma di infuso o tisana. È un’erba calmante che ha effetto solo se usata con regolarità. Dalle proprietà sedative, si aggiunge alla lista anche la passiflora, usata e coltivata già dagli antichi Aztechi. In modo naturale riesce a regalare sonno profondo e riposante.

Forse in molti non lo avrebbero detto ma anche il luppolo, pianta da sempre collegata alla birra, si distingue per avere un poter sedativo, soprattutto in associazione con la valeriana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.