Dove metti gli strofinacci della cucina? Forse hai sempre sbagliato, incredibile scoperta

Strofinacci in cucina, dove li metto? Non è una banalità: sbagli da sempre e non l’hai mai saputo. Ecco dove sistemarli.

Strofinacci in cucina come fare
Strofinacci (Canva)

Sono il simbolo delle faccende domestiche ma senz’altro anche i nostri più fedeli alleati in cucina. Gli strofinacci da cucina ci servono veramente un po’ per tutto: possiamo usarli per lavarci le mani durante una cosa e l’altra, possiamo usarli per asciugare i piatti, o per lucidare il piano se è caduta qualche goccia di acqua: insomma, non averli in cucina vuol dire esser persi.

Come saprai, però, in cucina, si annidano i peggiori batteri. E non solo i batteri ma, visto l’uso del posto, anche i peggiori rischi: non pensiamo, ad esempio, alla contaminazione batterica a cui potrebbero andare incontro i nostri cibi. Inoltre, in cucina, c’è l’oggetto più sporco di tutta casa: la spugnetta per i piatti. 

Stracci in cucina, dove li metto?

Strofinacci cucina come fare
Strofinacci (Canva)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

Abbiamo una pessima notizia: gli strofinacci di per certo non sono da meno. Questo vuol dire che dobbiamo prenderci cura del loro lavaggio, se non vogliamo correre rischi di sorta. Per prima cosa, sarebbe buon uso evitare la lavatrice, in quanto questa non fa che accelerare il processo di deterioramento di questi canovacci. Un trucco che spesso è molto usato, è quello di infilare il canovaccio in microonde. In questo modo, i canovacci saranno davvero pulitissimi.

Non sottovalutiamo neppure i prodotti naturali come il sapone di marsiglia, il limone, l’aceto. Ma c’è un altro errore comune che si fa spessissimo e a cui non si pensa: mettere il canovaccio appena pulito sulla maniglia del forno. Come immaginerete, la maniglia del forno non è un posto pulito e questo crea tutti i presupposti per una contaminazione batterica. Sempre meglio, dunque, evitare di posizionarli qui.

Il luogo ideale rimane un gancio apposito, in cui mettere i vari stracci, possibilmente dividendoli per il motivo d’uso, o dividendoli in sporchi e puliti. In questo modo non sporcheremo gli stracci e nient’altro, e saremo sicuri della loro pulizia quando poi andremo ad usarli. Insomma, una piccola attenzione finisce con il fare davvero molta differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.