La pasta frolla si sgretola e non riesci a stenderla? Non gettarla, ti basta questo gesto per recuperarla

Non bisogna lasciare che un semplice errori rovini un piatto, vediamo come recuperare la pasta frolla sgretolata e impazzita.

pasta frolla lavorazione
Teglia con pasta frolla più mattarello (Canva)

Fare la pasta frolla non è proprio semplice, spesso questa può risultare troppo morbida, oppure sgretolata, o al contrario, troppo dura. Quando succede questo errore, tendiamo a gettarla via. In realtà, possiamo recuperarla, evitando ogni spreco. L’impasto della pasta frolla è ottenuto mischiando farina, uova, zucchero, burro, e si usa per la preparazione di gustose crostate o biscotti.

La consistenza della pasta frolla è tutto e può pregiudicare la riuscita di un dolce. Quando la pasta frolla impazzisce, cosa bisogna fare? Vediamo come recuperarla in modo ottimale, facile e veloce, prevedendo una ulteriore cottura in forno, ma solo dopo il riposo. Gli ingredienti sono:

  • Un uovo
  • Farina 00 – 350 g
  • Zucchero – 120 g
  • Burro – 200 g
  • Aroma – arancia, limone, vaniglia o altro

SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM TIKTOK

Come preparare una pasta frolla perfetta, dalla consistenza omogenea e compatta

preparazione pasta frolla
Panetto di pasta frolla (Canva)

Capita a tutti di sbagliare qualche passaggio in cucina, durante la preparazione di un piatto. Non bisogna perdere le speranze e non bisogna agire impulsivamente, anche la pasta frolla si può tranquillamente recuperare, evitando sprechi. Una pasta frolla impazzita si capisce da un impasto poco omogeneo e che si sgretola, inoltre risultano esserci dei grumi in molti punti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Meno di 200 kcal a fetta: la torta di mele più buona e leggera di sempre, la ricetta facile

Dopo il riposo, è impossibile lavorare l’impasto e stenderlo correttamente. Come rimediare? Se il panetto non è compatto, basta aggiungere un po’ di acqua fredda, oppure mezzo albume d’uovo, e riprendere la lavorazione. Non bisogna mai aggiungere altri ingredienti in polvere, come ad esempio farina o amido, perché rendono la pasta ancora più dura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → I capelli bianchi saranno solo un ricordo: come colorarli al naturale, senza tinta o sostanze chimiche

Una volta recuperata, lasciamo riposare la pasta frolla per almeno mezz’ora. Altri consigli per rendere la pasta frolla della giusta consistenza è l’utilizzo del burro freddo, appena preso dal frigorifero. Le uova devo essere a temperatura ambiente. La pasta si lavora soltanto con le dita, per evitare di scaldare con la mano il burro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE → Ictus ed infarto potrebbero essere provocati da questo aspetto che tutti noi sottovalutiamo

Bisogna essere svelti, e amalgamare sin da subito burro e zucchero, in modo tale da far assorbire prima le uova. Il riposo è fondamentale per avere la giusta compattezza. Infine, in panetto di pasta frolla si conserva in frigo, avvolta in pellicola trasparente, per massimo tre giorni. Si può anche congelare, per una conservazione più lunga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.