🟢Pagamenti INPS di gennaio: ecco quando arriveranno i soldi del bonus di 200 euro

OQuali sono le novità che riguardano gli accrediti da parte dell’Istituto di Previdenza Sociale per il Bonus 200 euro e per le altre misure di sostegno analoghe contro il carovita.

Diverse banconote in euro
Diverse banconote in euro (Foto Canva – Inran.it)

Bonus 200 euro, c’è una buona notizia, che va estesa anche a tutti coloro che sono risultati idonei a ricevere anche i corrispettivi da 150 e da 350 euro. Si tratta di una concessione una tantum comunicata nel corso del 2022 appena trascorso da parte dell’INPS in favore di varie categorie di cittadini.

Lo scopo dei bonus da 200 euro e da 150 e 350 era quello di fornire un aiuto concreto per contrastare la forte crescita dell’inflazione e l’aumento dei prezzi sia di prima necessità che non indispensabili oltre che delle bollette e di benzina e gasolio.

Ora si apprende che il Bonus 200 euro e gli altri sono giunti in fase di completamento, per quanto riguarda la loro erogazione.

Bonus 200 euro, quando verranno erogati i soldi? La buona notizia

Il logo dell'INPS
Il logo dell’INPS (Foto INPS – Inran.it 03012023)

Per chi si stesse domandando quando verranno girati dall’INPS i soldi la risposta è che in realtà è già avvenuto. L’Ente ha infatti provveduto a finalizzare i versamenti a tutti coloro che erano risultati compatibili con questa misura di ausilio, iniziando lo scorso 27 dicembre 2022 a fornire gli accrediti del caso, fino alla giornata del 2 gennaio 2023.

Per quanto riguarda i 150 euro il versamento ha avuto luogo tra il 30 dicembre ed il 2 gennaio scorsi in due rate. Sempre il 30 dicembre è stato girato il Bonus 350 euro per i lavoratori autonomi dotati di partita Iva.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO ARTICOLO: 1.500 euro per il nuovo bonus in vigore dal 2023: a chi spetta e come richiederlo

Riguardo a quello da 200 euro spettava invece anche a titolari di indennità di disoccupazione NASPI e DISCOLL. come indicato nel ddl Aiuti di maggio 2022. Ed ai percettori di trattamenti di mobilità in deroga. Oppure di indennità con importo che pareggiasse suddetta mobilità del quale si è beneficiati a giugno 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO CONTENUTO: Reddito di Cittadinanza 2023: cosa cambia e come comportarsi per mantenere il beneficio

Come controllare i pagamenti

In totale, ad ottenere questi aiuti sono i cittadini che hanno dichiarato un reddito lordo con tetto massimo di 35mila euro nel corso del 2021. Con reddito inferiori ai 20mila euro è scattato anche un ulteriore surplus di 150 euro, che ha portato per l’appunto alla cifra di 350 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO CONTENUTO: Bonus di inizio anno: questo mese arriva una nuova agevolazione, come richiederla e a chi spetta

Per controllare se il versamento da parte dell’INPS è stato effettuato basta entrare sul sito web ufficiale dello stesso compiendo il login con le proprie credenziali SPID, di Carta di Identità Elettronica o di Carta Nazionale dei Servizi.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Poi bisogna consultare l’area del Fascicolo Previdenziale del Cittadino, andare su Prestazioni che si trova sulla sinistra e consultare infine la dicitura Pagamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.