Quali sono i sintomi dell’asma che ti fanno capire di dover andare subito dal medico di fiducia

In questa guida scoprirai tutto quello che riguarda l’asma e come riconoscerne i sintomi ed eventualmente avvisare il proprio medico di base, in modo che possa trovare una diagnosi e una cura!

malattia infiammatoria
Crisi asmatica (Canva) -Inran.it

Forse non lo sai mai l’asma non è altro che una malattia respiratoria che se viene trascurata può diventare cronica. Di solito l’asma si manifesta mediante la limitazione del respiro e l’iperattività dei bronchi. Tale malattia può essere sia ereditaria o  può avvenire per via di alcuni cambiamenti climatici. Inoltre può dipendere anche per qualche eventuale allergia e in quel caso prende il nome di asma allergica. Nel mondo il 50% delle persone è asmatica ed è importante riconoscere gli eventuali campanelli d’allarme che ti permettono di capire se anche tu ne soffri.

L’asma è un infiammazione delle vie aeree dovute alla stimolazione eccessiva dei bronchi dovuta a qualche organismo irritante presente all’interno o all’esterno dell’organismo. Nel momento in cui la persona entra in contatto con l’organismo,  la muscolatura intorno ai bronchi tende a ristringersi e con essa le vie aeree provocando una serie di  disturbi. Molte persone sono predisposte, altre allergiche alla polvere, agli acari, chi al polline o le muffe. Inoltre bisogna tenere a mente che sono a rischio anche i soggetti obesi o chi soffre di squilibri ormonali e nutrizionali.

I sintomi dell’asma: come riconoscerli e cosa fare al riguardo!

sintomi e cure per l'asma
Diagnosi accurata e cura da parte del medico di fiducia (Canva) -Inran.it

L’asma è una malattia alquanto diffusa nel mondo, infatti secondo alcuni dati forniti dall’OMS è emerso che più di 150 milioni di persone soffrono d’asma e spesso nemmeno se ne rendono conto. I casi di decesso negli anni sono alquanto significativi e questo significa che bisogna prendersi cura della propria salute. Inoltre se hai bambini piccoli è importante che tu faccia fare un controllo anche a loro perchè i sintomi non sempre si manifestano nello stesso modo in tutte le persone.

LEGGI ANCHE: Ansia, una patologia visibile anche nell’andatura

Questa malattia respiratoria si manifesta principalmente di notte o durante le prime ore della giornata. Di solito si manifesta con tosse persistente, respiro affannoso o sibilante e da un senso di oppressione in casi gravi. Fra i vari sintomi c’è anche il senso di prurito sia sul collo che sul torace, da una maggiore sudorazione dovuta alla mancanza d’aria, ansia e un aumento improvviso della frequenza cardiaca.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Se si trascurano questi malesseri è possibile che nel tempo oltre alla diminuzione d’aria si creerà un mancato apporto d’ossigeno al cervello comportando  svenimento, perdita della parola e cianosi a mani, dita e labbra. Si consiglia sempre in caso di una crisi asmatica di chiamare immediatamente il 112, altrimenti potrai benissimo rivolgerti al tuo medico di fiducia in modo che possa risalire alla causa.

LEGGI ANCHE: Se ti fa male la schiena in questo punto non è un segnale positivo: potresti soffrire di questa malattia

Dopo una diagnosi accurata si passa a vari esami strumentali come la spirometria o un test di funzionalità respiratoria. Inoltre è possibile che ti venga chiesta una radiografia al torace con annessa misurazione di ossigeno e anidride carbonica nel sangue o un test allergologico/sierologico. Una volta trovata la causa è possibile che vengano somministrati farmaci per placare le eventuali crisi asmatiche future e tenere sotto osservazione questa malattia infiammatoria.

Nicolas De Santis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.