Acqua frizzante o naturale: qual è la migliore? La risposta è pazzesca

Bere ogni giorno acqua frizzante o acqua naturale, qual è la scelta migliore? Vediamo cosa dicono gli esperti e le controindicazioni.

effetti indesiderati acqua frizzante
Bollicine dell’acqua (Canva) – Inran.it

Bere almeno 1,5 o 2 litri di acqua al giorno è sempre una buona abitudine per stare in salute. L’acqua è la nostra fonte di vita essenziale, rigenera i tessuti, idrata la pelle e l’organismo, inoltre fa funzionare gli organi. Insomma, bisogna bere tanto, ogni giorno. Tuttavia, molte persone preferiscono bere acqua frizzante. È diversa rispetto all’acqua naturale? Comporta delle controindicazioni?

Ebbene, l’acqua frizzante, a lungo andare potrebbe dare qualche problema. Questo tipo di acqua rinfresca, solletica la gola, dà soddisfazione, tuttavia occorre stare attenti alle quantità ingurgitate. Di certo, è sempre acqua, quindi non è dannosa per la salute, ma può dare comunque qualche effetto indesiderato. Diamo uno sguardo alle controindicazioni.

Gli effetti negativi dell’acqua frizzante: a cosa bisogna stare attenti

differenze tipi acqua
Ragazza beve bicchiere di acqua (Canva) – Inran.it

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Se la frizzantezza dell’acqua è stata ottenuta successivamente, tramite processo industriale, l’anidride carbonica potrebbe intaccare lo smalto dentale. Questo è solo un esempio di effetto negativo legato al consumo regolare di acqua frizzante. Tra gli altri troviamo problemi di gonfiore e gastrointestinali. Perciò, chi soffre di problemi intestinali, dovrebbe evitarne il consumo.

LEGGI ANCHE QUESTO ARGOMENTO → Dolori ai muscoli durante la notte: come fare per rimediare e ritrovare il tuo equilibrio

Stessa cosa per chi soffre di pressione alta. Ma quali sono le differenze principali da tra acqua liscia e acqua frizzante? Acqua liscia non è sempre sinonimo di acqua naturale. Quest’ultima, infatti, è naturale solo se imbottigliata alla sorgente. L’acqua minerale, invece, ha un pH compreso tra 6,5 e 8, mentre l’oligominerale è povera di sali minerali, con residuo fisso inferiore a 500 mg/l.

LEGGI ANCHE QUESTO ARGOMENTO → Incredibile ma è questo l’antistress che funziona proprio per tutti | Il segreto che devi conoscere

La frizzantezza dell’acqua viene aggiunta in una fase successiva, tramite l’anidride carbonica, sfruttata in un processo industriale. Ciò differisce dall’effervescenza naturale, che al contrario presenta bollicine sin dalla fonte, in natura, e senza passare per un processo industriale.

LEGGI ANCHE QUESTO ARGOMENTO → Cosa sono e come si manifestano i disturbi alimentari: tutti i segnali da non sottovalutare

Una volta chiarite le differenze tra i vari tipi di acqua, sicuramente comporta meno problemi l’acqua naturale, seguita da quella oligominerale. L’acqua frizzante, invece, come accennato, potrebbe dare qualche problemino, perciò ne è sconsigliato un consumo quotidiano. Bisogna anche chiarire che l’acqua frizzante, anche nel tempo, non comporta seri danni all’organismo, perciò non bisogna fare allarmismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.