Latte vegetale: sai qual è il migliore? Abbiamo fatto una scoperta incredibile

Qual è il migliore latte vegetale? In commercio al giorno d’oggi se ne trovano di tutti i tipi, dal soia all’avena: ma ecco la scoperta incredibile.

il migliore latte vegetale in commercio
Latte vegetale (Canva – Inran.it)

In commercio si trova ogni tipo di latte possibile, ma qual è il migliore presente sul mercato? Fino a poco tempo fa, al bar, si poteva ordinare solo un cappuccino di latte vaccino, o al massimo di soia. Tuttavia con l’aumento delle intolleranze e delle allergie e dell’alimentazione vegana sempre più diffusa, adesso si possono trovare tante alternative vegetali al di fuori della soia: avena, cocco, riso, mandorla.

Non è solo una questione di gusto, ovvero sulla più buona, anche tra le bevande plant-base ci sono quelle più benefiche rispetto ad altre. Ogni bevanda vegetale ha proprietà nutrizionali, valori energetici e impatto diversi. Inoltre è fondamentale sceglierlo bio e senza l’aggiunta di zuccheri aggiunti, conservanti. Di seguito le caratteristiche principali dei principali tipi di “latte” vegetale.

Il migliore latte vegetale presente sul mercato: tutte le caratteristiche

bevanda vegetale migliore
Bevanda vegetale (Canva – Inran.it)

Le bevande vegetali più diffuse tra i consumatori sono:

  • Riso
  • Mandorla
  • Soia
  • Avena
  • Cocco

Latte di riso

Le principali proprietà del latte di riso sono:

  • povero di grassi saturi
  • privo di glutine
  • perfetto per celiaci
  • facile da digerire
  • privo di colesterolo

Tuttavia, questa bevanda vegetale, possiede poche proteine ed è allo stesso tempo piuttosto calorico: alta percentuale di carboidrati. Sarebbe meglio considerarlo un’alternativa piuttosto che un sostituto del latte vaccino vero e proprio. Inoltre, a livello ambientale, non è considerato la scelta migliore visto che la coltivazione del riso richiede una grande quantità di acqua e di metano.

Latte di mandorla

Le principali proprietà del latte di mandorla sono:

  • ricco di minerali
  • contiene Omega 3
  • possiede meno grassi saturi del latte vaccino
  • ricco di Vitamina E
  • sapore buono
  • ottima alternativa al latte vaccino

Come per il latte di riso, anche quello di mandorla contiene poche proteine visto che la quantità di mandorle adoperate rispetto all’acqua al suo interno è ridotta. Inoltre, la coltivazione delle mandorle potrebbe avere un impatto negativo sulla popolazione delle api adoperate per l’impollinazione, minacciata dai pesticidi.

Latte di soia

Le principali proprietà del latte di soia sono:

  • ricco di proteine e amminoacidi essenziali
  • contiene vitamine del gruppo B
  • minerali: fosforo, zinco e magnesio

Dal punto di vista nutrizionale è il più ricco e nutriente, inoltre può aiutare ad abbassare i livelli del colesterolo cattivo. Tuttavia, l’intolleranza alla soia è molto comune e la sua qualità non sempre è ottima: potrebbe essere OGM, ovvero geneticamente modificata. A livello ambientale, la sua coltivazione ha una bassa emissione di carbonio e contribuisce alla fertilizzazione del suolo.

Latte di avena

Le principali proprietà del latte di avena sono:

  • calcio
  • potassio
  • vitamine E
  • acido folico
  • beta-glucani
  • fibre solubili
  • sapore gradevole

Nonostante sia ricco a livello nutritivo, se si è intolleranti al glutine bisogna assicurarsi che sia, per l’appunto, “senza glutine”. A livello ambientale la coltivazione dell’avena, causa l’80% in meno di emissione di carbonio rispetto a quella del latte vaccino, inoltre richiede meno acqua degli altri cereali.

SE NON VUOI PERDERTI I NOSTRI AGGIORNAMENTI  ED ESSERE SEMPRE IL PRIMO A CONOSCERE LE ULTIME NOTIZIE, PUOI SEGUIRCI SUI NOSTRI CANALI SOCIAL: TELEGRAMINSTAGRAM e TIKTOK

Latte di cocco

Le principali proprietà del latte di avena sono:

  • ottima fonte di minerali e vitamine
  • proprietà antinfiammatorie
  • sapore gradevole
  • consistenza ideale per frullati e caffelatte

Il latte di cocco è altamente calorico e contiene più carboidrati e grassi saturi rispetto alle altre alternative al latte vaccino. I suoi alberi richiedono poca acqua per crescere ma sono più diffusi in ambienti climatici tropicali, dove vengono coltivati su terreni deforestati. Questo causa problemi e danni alla biodiversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.